Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon 28mm f/2 E 28mm f/1,4 : I GRANDANGOLARI LUMINOSI DI CASA NIKON


NIKKOR 28mm f/2 E 28mm f/1,4 : STORIA E RETROSCENA TECNICI INEDITI DEI DUE FAMOSI GRANDANGOLARI LUMINOSI DI CASA NIKON

di Marco Cavina © 04/08/2007



Parlo volentieri di questi pezzi da novanta del corredo Nikkor perché con i prodotti di questa Casa sono cresciuto
fotograficamente fin dall'adolescenza, ed anche se da un paio di anni vivo nel peccato col celebre concorrente dal
sensore a formato pieno (in attesa che anche Nikon si adegui) in realtà sono e resto un nikonista...
Il medio grandangolare da 28mm (pari a circa 76° sulla diagonale del formato) si é consolidato negli anni e a furor di popolo come il wide universale, flessibile e facilmente adattabile agli impieghi più disparati, ed é normale che un produttore come la Nippon Kogaku abbia sentito ben presto l'esigenza di affiancare all'originale modello f/3,5 una
versione ben più luminosa e con caratteristiche spiccatamente professionali; l'idea si concretizzò a fine anni '60, quando fu assegnato al Dr. Yoshiyuki Shimizu l'incarico di progettare un grandangolare da 28mm con apertura massima f/2, un cimento ragguardevole considerando le problematiche richieste dalla visione reflex...

Il Dr. Shimizu era senz'altro molto qualificato, essendosi formato alla scuola del monumento vivente Zenji Wakimoto
(col quale calcolò il famoso Nikkor-S 50/1,4) ed avendo già firmato importanti progetti come il Nikkor 24mm f/2,8,
il Nikkor 35mm f/2, il Nikkor 6mm fisheye da 220° ed i vari Reflex-Nikkor catadiottrici esistenti all'epoca; fra l'altro Shimizu é anche il padre di un altro, celebre superluminoso Nikkor, il 35mm f/1,4, obiettivo che aveva già progettato nel 1967 e che richiese anni per la messa a punto fine precedente al lancio, piò o meno contemporaneo a quello del 28mm.

Il Nikkor 28mm f/2 fu completato nell'Agosto del 1970, giusto in tempo per la passerella in Photokina, grazie a ritmi di lavoro serrati: infatti il progetto era stato completato poco prima (addirittura la richiesta di brevetto é posteriore alla presentazione ufficiosa dell'ottica - Settembre 1970) ed il reparto meccanico deve aver compiuto sforzi ammirabili per realizzare la montatura nel poco tempo a disposizione; l'obiettivo adottava tutte le più moderne tecnologie che una grande azienda ottica come la Nippon Kogaku potesse vantare all'epoca: vetri al Lantanio ad alta rifrazione e bassa dispersione, un avanzatissimo sistema flottante per compensare le aberrazioni a distanza ravvicinata e l'innovativo trattamento antiriflessi a strati multipli NIC (acronimo di Nikkor Integrated Coating); il Dr. Shimizu era un pioniere del sistema flottante, dal momento che fu il primo ad applicarlo su un obiettivo di produzione, il Nikkor-N Auto 24mm f/2,8 del 1967, ed i diagrammi allegati al progetto del nuovo 28mm f/2 - riferiti ad infinito e distanze brevi - dimostrano la superiore efficacia del sistema per contenere coma, curvatura di campo ed astigmatismo nel campo ravvicinato, dove solitamente i grandangolari retrofocus così luminosi soffrivano un'evidente debacle; l'antiriflessi NIC, secondo la storiografia ufficiale, fu applicato per la prima volta nella produzione di serie sul Nikkor 35mm f/1,4 (presentato tre mesi prima, nel Maggio 1970) e sul 28mm f/2, tuttavia é noto che già sul Nikkor-S Auto 55mm f/1,2, presentato come prototipo nel lontano 1965 e poi prodotto a partire dal 1967, alcune superfici aria/vetro (ma non tutte) beneficiavano dell'antiriflesso a strati multipli, già sviluppato da alcuni anni per gli obiettivi industriali come gli Ultra-Micro-Nikkor per microcircuiti: sembra che il primo ad adottarlo sia stato l'Ultra-Micro-Nikkor 29,5mm f/1,2; sul Nikkor-S Auto 55mm f/1,2 l'implemento non é immediatamente evidente perché la superficie anteriore della lente frontale presenta un rivestimento classico a strato singolo in fluoruro di Magnesio, che rimanda il tipico riflesso giallo degli obiettivi monostrato.


Immagine Allegata: 01.jpg

i due campioni oggetto della discussione: il Nikkor 28mm f/2 (qui in versione "K" gommata pre-Ai) e l'AF-Nikkor 28mm f/1,4 D, entrambi montati su un corpo cronologicamente coerente: sul campo hanno acquisito una fama lusinghiera, specialmente per la resa a distanza ravvicinata e (soprattutto l'ultimo) per la qualità ai diaframmi più aperti


Il Nikkor 28mm f/2 attraversò indenne le articolate evoluzioni meccaniche della gamma Nikkor, giungendo fino all'ultima versione AiS; per chiarire meglio l'ampia gamma di modelli ho realizzato uno specchio riassuntivo.


Immagine Allegata: 02.gif


La prima versione presentava la classica meccanica completamente metallica degli obiettivi coevi, con ghiera di messa
a fuoco a sbalzi godronati, ma il barilotto era completamente rifinito in nero, senza parti metalliche satinate in cromo; la ghiera frontale riportava la dicitura Nikkor-N Auto Nikkon Kogaku e curiosamente mancava la nominazione "C",

nonostante l'ottica sfoggiasse addirittura l'antiriflessi multiplo; la ghiera del diaframma avrebbe consentito - fin dalla prima versione - la conversione Ai; poco tempo dopo, in data imprecisata, la denominazione Nippon Kogaku lasciò il posto a quella Nikon, configurando la variante n° 2; l'opzione n° 3 é meccanicamente simile fatto salvo per l'aggiunta della famosa "C" che sta ad indicare l'antiriflessi, e completerà la serie dei modelli F non gommati che uscirà di produzione a fine 1975;

nello stesso periodo i Nikkor furono oggetto di un riuscito lifting estetico - noto come serie K - che in pratica preconizzava il look dei futuri obiettivi Ai, fatto salvo per la classica interfaccia all'esposimetro con forcella, la cui caratteristica più evidente era la sostituzione dei rilievi metallici della messa a fuoco con una striscia in gomma a rilievi rettangolari; i Nikkor 28mm f/2 con queste caratteristiche rappresentano la variante n° 4, e l'obiettivo illustrato nella foto d'apertura appartiene a questo gruppo;

a partire dalla variante n° 4, l'appena citato Nikkor "K" del Novembre 1975, lo schema ottico fu sottoposto ad una leggera modifica, quasi inavvertibile ad un'occhiata distratta, che verrà meglio descritta in uno schema successivo; lo schema aggiornato resterà in produzione senza ulteriori migliorie fino alle ultime versioni AiS e garantirà 0,5mm di spazio retrofocale in più.

nel 1977 i Nikkor furono aggiornati all'interfaccia Ai, ed anche il 28mm f/2 fu prodotto in questa configurazione (variante n° 5), in un periodo compreso fra il 1977 ed il Novembre 1981; nel Dicembre 1981 l'obiettivo fu convertito all'attacco AiS (sesta ed ultima variante), e l'obiettivo é riconoscibile dagli indicatori della profondità di campo trasferiti sulla ghiera cromata, dalla messa a fuoco ridotta a 0,25m (nei precedenti era a 0,3m) e dalla baionetta posteriore fissata da appena 3 viti contro le 5 dei modelli precedenti; lo scasso ad ore 9 sulla battuta della baionetta (necessario per informare il corpo macchina se stiamo usando un obiettivo con più o meno di 135mm di lunghezza focale, ad uso program variabile) é la spia più evidente della conversione ad AiS, mentre pochi sanno che in questi obiettivi é stata anche ridotta l'inerzia del cinematismo che comanda ed aziona il diaframma, per migliorare la sua reattività con i corpi macchina multi-mode utilizzati a priorità di tempi o in

program; alcuni riferiscono una sostanziale modifica allo schema ottico, che sarebbe passato ad 8 lenti in 8 gruppi, ma non ho mai trovato conferme concrete a quest'ipotesi; incidentalmente, il 28mm f/1,8 AF-D Asp é stato realizzato in un'unica versione, costante per tutta la parabola produttiva.


Il Nikkor 28mm f/2 é basato su un moderno schema a 9 lenti in 8 gruppi, ed adotta sia vetri comuni, come gli elementi

L5 ed L6 realizzati in "volgare" cristallo BK-7, sia vetri più sofisticati come i Flint al Lantanio LAF2 (nD= 1,74400 vD= 44,9) ed LAF34 (nD= 1,77250 vD= 49,5) o il Krown al Lantanio LAK8 (nD= 1,71300 vD= 53,9), caratterizzati da un ottimo rapporto fra alta rifrazione e bassa dispersione, per finire con lo short-Flint SF56 ad alta rifrazione (nD= 1,78470 vD= 26,1)


Immagine Allegata: 3.gif


l'inedito schema con i vetri ottici utilizzati nel Nikkor 28mm f/2, fra i quali spiccano l' LAF2 (L2), l' LAF34 (L4), l' LAK8 (L9) e lo SF56 (L7); il vetro dell'elemento L8 é simile allo Schott LAF35 ma presenta valori leggermente discordanti, e probabilmente é un vetro proprietario realizzato dalla Nikon stessa, o forse proviene dal catalogo dell'epoca di un'altra vetreria nipponica.

(per esigenze di pulizia grafica ho utilizzato la sezione dello schema utilizzato a partire dal Novembre 1975, mentre la formula del progetto originale di Shimizu é quella definita "official optical cross section" nello schema successivo)


Immagine Allegata: 4.gif

questo schema evidenzia la pedissequa derivazione del modello di serie dal progetto di Shimizu

Immagine Allegata: 5.gif

Alla Nippon Kogaku avevano posto molta attenzione alla resa ottica dei grandangolari a distanza ravvicinata, probabilmente perché i nuovi obiettivi reflex, dotati di messa a fuoco sostanzialmente più ridotta dei cugini a telemetro e serviti da un sistema di visione estremamente preciso, avevano lanciato la moda delle prospettive esasperate con primi piani molto evidenti e ravvicinati (specie nel reportage di guerra), rendendo di fatto più acuto il problema della qualità a coniugate brevi; a riprova di ciò troviamo nel progetto originale del 28mm f/2 la simulazione delle aberrazioni in posizione di infinito e a coniugate molto brevi (rapporto di riproduzione di 1:10, pari ad un campo inquadrato di 24x36cm): anche se il fondo scala (1,0mm) é molto permissivo e la ridotta entità delle curve ingannevole, appare evidente come il rendimento del Nikkor 28mm f/2 sia estremamente uniforme passando ai due estremi della scala di messa a fuoco, confermando che uno degli obiettivi primari del progetto di Shimizu era stato conseguito; l'obiettivo a diaframma aperto soffre di coma sagittale che rende l'immagine un po' nebulosa, ma basta chiudere un poco il diaframma per ridurre l'aberrazione, e a diaframmi centrali la risoluzione e soprattutto il contrasto sono molto elevati, e forniscono immagini secche e sature; a distanza ravvicinata si conferma una buona tenuta, con le aberrazioni sempre sotto controllo, ed una riproduzione che non deve fare i conti con i classici problemi dei retrofocus a coniugate brevi: coma e curvatura di campo.


Immagine Allegata: 6.gif

i due schemi ottici relativi all'originale Nikkor-N Auto 28mm f/2 dell'Agosto 1970 ed alla versione "K" del Novembre 1975, quando fu introdotta l'unica, leggera modifica cui sia possibile risalire con dati oggettivi; col nuovo obiettivo lo spazio retrofocale pass? da 37,7mm a 38,2mm, l'interasse fra la superficie anteriore della prima lente ed il piano focale da 102,7mm a 103,2mm e la distanza fra il punto principale anteriore e la superficie posteriore dell'ultima lente da 34,5mm a 34,7mm; sono altresì visibili quattro variazioni nei radii delle lenti, evidenziate dalla numerazione aggiunta in colore blu:


1) le facce contigue e piano-parallele delle lenti 5 e 6 - che definiscono una lente d'aria - assumono un raggio di curvatura

maggiore


2) la superficie concava sulla faccia posteriore della terzultima lente assume una curvatura più accentuata

3) la superficie anteriore concava della penultima lente assume parimenti un profilo più arcuato

4) la superficie anteriore dell'ultima lente, in origine pressoché piano-parallela, diviene convessa





Sulle ragioni di queste piccole ma numerose modifiche posso solo azzardare delle ipotesi: verrebbe da pensare che quei miseri 0,5mm di spazio retrofocale in più servissero ad evitare impatti con lo specchio della Nikon F2, più lungo di quello della Nikon F, ma la F2 era sul mercato da anni quando la modifica fu introdotta; l'obiettivo forniva anche nella configurazione originale delle ottime prestazioni ed é improbabile che si sia provveduto al ricalcolo per migliorarle... Più probabilmente qualche vetro é stato leggermente modificato dalla vetreria, magari per eliminare qualche ingrediente pericoloso, rendendo necessaria la rielaborazione dello schema ottico, poi rimasto invariato fino alla versione AiS.


Immagine Allegata: 7.jpg

Cheese, please! Il Nikkor 28mm f/2 e l'AF-Nikkor 28mm f/1,4 D Asp in un ideale passaggio di consegne
fra medio-grandangolari superluminosi


Si tratta senz'altro di una pietra miliare nel sistema Nikon e nella della progettazione di grandangolari retrofocus luminosi, con caratteristiche come l'antiriflessi NIC ed il sistema CRC flottante che anticiparono anche mostri sacri come Zeiss e Leitz; l'obiettivo incontrò anche un buon successo di vendita, nonostante il prezzo decisamente molto elevato, come sempre accadeva per la gamma Nikkor dell'epoca; per anni si dormì sugli allori della sua lusinghiera fama, senza preoccuparsi troppo di evolvere questo "pezzo forte".


Nel Febbraio del 1977 il lancio del Noct-Nikkor 58/1,2 asferico, che esplorava nuovi orizzonti nella soppressione del flare di coma a tutta apertura, accese l'entusiasmo dei Nikonisti e del management Nippon Kogaku, che intravedevano nell'adozione delle lenti asferiche una via per realizzare grandangolari luminosi di qualità superiore; in realtà l'evoluzione della tecnologia per la lavorazione delle lenti asferiche era proseguita senza sosta (in Nikon avevano addirittura un team apposito, indipendente), consentendo di passare dal Fisheye-OP-Nikkor 10mm f/5,6 del 1968 (prodotto con estrema difficoltà in poche centinaia di esemplari) al Noct-Nikkor del 1977, prodotto in serie più costante grazie a nuove tecniche di molatura a sferica a controllo numerico, in cui il costo finale, comunque

molto elevato, era però distribuito fra gli scarti di lavorazione dello sbozzo asferico (ancora notevoli) e le ore necessarie per la calibratura fine individuale di ogni Noct-Nikkor, adeguando gli spazi d'aria dello schema ottico alle micro-variazioni della superficie asferica fra esemplare ed esemplare; il relativo successo commerciale del Noct-Nikkor diede avvio, intorno al 1983-84, allo sviluppo di una versione "grandangolare" di tale ottica, cioé un obiettivo che garantisse le stesse notevoli caratteristiche di resa e soppressione del coma a

tutta apertura (parimenti elevata) con un angolo di campo decisamente maggiore, cosa che gli avrebbe dischiuso ampi orizzonti nella fotografia astronomica e di reportage a luce ambiente; due ingegneri furono incaricati del progetto ed il team responsabile del calcolo ottico era in continuo contatto con quello delegato allo sviluppo delle lavorazioni asferiche, affinché le più avanzate tecnologie via via messe a punto fossero prontamente sfruttate nel progetto dell'obiettivo; questo metodo di lavoro diede i suoi frutti, ed un'avanzata procedura per la molatura di precisione fu sviluppata proprio quando il calcolo ottico era giunto al termine, e consentì di incorporare

un elemento dotato di profilo asferico molto pronunciato; l'obiettivo fu assemblato in alcuni prototipi per le valutazioni soggettive (riprese su vari tipi di film) da parte del dipartimento di controllo qualità, ma la resa non fornì i risultati sperati: in particolare, le immagini ad infinito erano al livello di quelle realizzate col precedente Nikkor 28mm f/2, mentre a distanza ravvicinata la resa ottica era inferiore a quella di quest'ultimo; inoltre la soppressione del coma era decisamente inferiore a quella del Noct-Nikkor di riferimento,

quindi il dipartimento qualità abortì il progetto, i due ingegneri responsabili del calcolo (sul cui nome l'azienda ha steso un pietoso velo) furono ignominiosamente silurati e si partì da capo, dal foglio bianco, affidando l'incarico a due ingegneri più giovani e con idee fresche, i Dottori Kenji Hori e Tatsuno Wataru, che riprogettarono integralmente l'ottica mantenendo comunque la lente parabolica posteriore ad elevato grado di asfericità, completando il secondo progetto ad inizio 1992, a quasi 10 anni dall'avvio dei lavori....

Il dipartimento di controllo qualità testò questo secondo prototipo trovandolo di qualità adeguata e diede l'avvallo alla produzione di serie, iniziata formalmente nel 1994 dopo la presentazione ufficiale del Settembre 1993; l'obiettivo fornisce una resa ad f/1,4 finalmente all'altezza di quella del Noct-Nikkor, con una soppressione quasi totale del coma, un flare quasi impercettibile ed un bo-keh molto bello: il tutto é costato due progetti, due team diversi e quasi dieci anni di calcolo, senza contare lo sviluppo serrato delle lenti asferiche!

L'obiettivo fu articolato su due prototipi diversi, il primo dei quali entrò in produzione, ed incorporava, come il suo predecessore del 1970, lo stato dell'arte della tecnologia Nikon: antiriflessi sofisticati, vetri ad altissima rifrazione e a bassa dispersione, una lente asferica da profilo proibitivo ed un complesso sistema flottante in cui su quattro gruppi tre erano mobili, due dei quali adibiti alla messa a fuoco ed il terzo, indipendente, alla correzione delle aberrazioni: un vero tour de force che comunque giustifica solo in parte il prezzo-monstre

che non mancò di scoraggiare molti entusiasti della prima ora...


Immagine Allegata: 8.gif

il prototipo n° 1 fu scelto per la produzione di serie; si nota la lente asferica (la terzultima) a profilo molto pronunciato e l'adozione di vetri molto sofisticati: la L3 é realizzata in FK-5, un fluor-Krown a dispersione ridotta, mentre la L4 é ricavata da un vetro proprietario di caratteristiche simili; L2 ed L9 sono ricavate da un vetro di classe LAF34, L6 ed L10 da vetro LASF44, L7 da vetro proprietario simile all'LAK33, mentre anche L11 adotta un vetro proprietario ad altissima rifrazione (nD=1,86074); la messa a fuoco é sofisticata: l'obiettivo é diviso in quattro sottogruppi dove G1 (la lente anteriore) é fisso, G2 e G4 avanzano per focheggiare e G3 é dotato di movimento indipendente per correggere le aberrazioni: sofisticazioni inimmaginabili se raffrontate al precedente 28mm f/2,

che pure sfruttava tutto il know-how disponibile all'epoca.


Immagine Allegata: 9.gif

l'inedito schema del prototipo n° 2, mai prodotto, nel quale la L6 del precedente modello é sdoppiata in un doppietto
collato; anche la distribuzione dei vetri é differente (manca nell'ultima lente posteriore il vetro ad nD=1,86074)

Immagine Allegata: 10.gif


questo diagramma - parimenti inedito - proviene dal progetto originale di Hori e Wataru ed é estremamente
significativo e didascalico, in quanto illustra l'effettiva efficacia del sofisticato sistema flottante presente nell'AF-Nikkor 28mm f/1,4 Asp; partendo dall'alto troviamo i parametri relativi ad aberrazione sferica, astigmatismo (con lettura sagittale e tangenziale) e distorsione in posizione di infinito; al centro sono riportati gli stessi dati alla distanza di messa a fuoco pari ad un rapporto 1:10 (campo ripreso 24x36cm, praticamente la messa a fuoco minima), dai quali si evince un'eccellente uniformità rispetto ad infinito: l'unica differenza é un leggero spostamento nella giacitura dei piani astigmatici nella calotta tangenziale; la terza ed ultima serie simula la resa a distanze minime con schema ottico "rigido", cioé su configurazione di infinito e senza i sofisticati flottaggi: aberrazione sferica e distorsione aumentano, ma soprattutto l'astigmatismo passa a valori abnormi ed inaccettabili! Lo stato di correzione generale é molto buono: lo spostamento dalla normale é sempre contenuto sotto gli 0,2mm, a fronte di un errore di circa 1mm presente nel 28mm f/2, ed anche la distorsione - contenuta al di sotto del 2,5% - é da considerarsi ottimamente corretta per un 28mm così luminoso.

Il 28mm f/1,4 AF-D Asp é stato prodotto con un'unica specifica per tutta la sua parabola commerciale, caratterizzata da vendite molto circoscritte a causa del prezzo di listino molto elevato; la complessione meccanica é quella degli AF-Nikkor professionali della generazione "D", con ampia ghiera gommata di messa a fuoco manuale e struttura quasi interamente metallica con finitura in nero raggrinzente, "crinkled", antigraffio; un difetto strutturale sovente riportato riguarda la ghiera di selezione "A - M", che permette di passare alla messa a fuoco manuale: come spesso avviene anche nell'AF-micro Nikkor 200mm f/4 ED, essa ? soggetta a rotture, e la successiva riparazione innesca un effetto domino, dal momento che la rimozione di viti filettate strutturalmente nei materiali interni lascia cadere corpuscoli di sfrido fra le lenti; inoltre anche la serigrafia bianca "A - M" presente sulla stessa ghiera non é tenace e si abrade con estrema facilità, cancellandosi;

naturalmente sono pecche veniali a fronte della resa che fornisce a tutta apertura, una vera poesia di caratteristiche
che garantisce immagini soggettivamente piacevoli, anche se a diaframmi medi la risoluzione non copia perfettamente
quella di un buon 28/2,8, forse anche per un leggero focus shift residuo, bestia nera dei superluminosi, sia pure
avvantaggiati - come in questo caso - da una lente asferica vicina al diaframma, che contrasta questo difetto...
Sia pure messo parzialmente in ombra dal grande Canon 24mm f/1,4 Asferico di Momiyama, presente a catalogo
fin dal 1975 e sostanzialmente modificato e migliorato in era EF, l'AF-Nikkor 28mm f/1,4 resta uno dei grandangolari
superluminosi moderni più apprezzati anche dagli utenti digitali, che mantengono sui sensori APS-C un angolo di campo
sufficiente alla bisogna; ora che é uscito di produzione é scattata la caccia agli esemplari disponibili, sovente vana dal momento che i fortunati possessori se lo tengono ben stretto, e a ragione!

Immagine Allegata: 11.jpg

vista posteriore dei Nikkor 28mm f/2 e 28mm f/1,4: in entrambi il diametro della lente posteriore
é decisamente insolito per grandangolari retrofocus (nei quali questo elemento é sovente minuscolo),
garantendo una buona proiezione anche sui sensori (tuttavia sul full-frame 24x36, adottando il 28mm f/1,4
a piena apertura, ho notato una vistosa vignettatura, inesistente usando degli f/1,4 di focale maggiore,
come Nikkor e Zeiss Planar da 85mm... nessun problema invece sul sensore APS-C).
Notare il diaframma a 7 lamelle nell'f/2 e a 9 lamelle nell'f/1,4 e le 5 viti di fermo sulla baionetta
del 28mm f/2 tipo "K", che passeranno a 3 sul modello AiS

Immagine Allegata: 12.jpg

Dimensioni a confronto: il già corpulento 28mm f/2 scompare al cospetto dell'AF-Nikkor 28mm f/1,4,
costretto dal sistema ottico a dimensioni insolite; da notare sul 28mm f/2 l'attacco filtri standard da 52mm,
una priorità di progetto nella Nippon Kogaku di fine anni '60 - inizio anni '70 che obbligò Shimizu a veri
salti mortali quando calcolò il Nikkor 35mm f/1,4...

Immagine Allegata: 13.jpg

dettaglio dell'elemento posteriore nel Nikkor 28mm f/1,4: é facile graffiare inavvertitamente questa lente,
molto curva e sporgente

Immagine Allegata: 14.jpg

dettaglio dei "talloni d'Achille" del 28mm f/1,4: la serigrafia "A - M" si deteriora con incredibile facilità
ed anche la ghiera omologa su cui é riportata si rompe saltuariamente con l'uso intenso

Immagine Allegata: 15.jpg

DUE OBIETTIVI CHE IN DIVERSE EPOCHE HANNO TESTIMONIATO LA GRANDE TECNOLOGIA
NIKON, INCORPORANDO LO STATO DELL'ARTE DELLE TECNOLOGIE DISPONIBILI AL TEMPO
E GARANTENDO RISULTATI VALIDI, ANCHE SE IL PREZZO DI LISTINO E' SEMPRE STATO FUORI
QUOTA; INECCEPIBILE LA MECCANICA, CON QUALCHE OSSERVAZIONE SUL 28/1,4.


© Marco Cavina 2007, publicato su Nikonland per gentile concessione
Test: Yes



15 Comments

Foto
alfredo carbognani
feb 11 2010 10:32
Anche se non ? un 28 ed essendo G non ? utilizzabile sulle fotocamera a pellicola storiche, il nuovissimo AF-S 24 f1,4 G si colloca secondo me nella tradizione di questi splendidi storici fissi
(e probabilmente ne far? calare le fino ad ora alte quotazioni)
Ho avuto la fortuna di possedere per un paio d'anni il 28/1,4 AFD, che usavo sia su pellicola che su D200 (all'epoca avevo quella).
Un eccellente obiettivo, che sul formato ridotto digitale equivaleva ad un normale "corto" che ho usato in diversi matrimoni unitamente all'85/1,4 afd, ottenendo ottimi risultati pur senza far uso del flash. Va detto che la tenuta agli alti ISO della D200 era quella che era, e perci? il ricorso alle fortissime aperture risultava obbligatorio.
Il suo vero campo d'azione, per?, ? il pieno formato su pellicola, ove dimostrava una plasticit? di resa degna di un Leica.
Buona luce
:)

Foto
Mauro Maratta
feb 11 2010 10:41
Concordo su questo punto, senza dubbi :

Anche se non ? un 28 ed essendo G non ? utilizzabile sulle fotocamera a pellicola storiche, il nuovissimo AF-S 24 f1,4 G si colloca secondo me nella tradizione di questi splendidi storici fissi


meno su questo :

[...]
(e probabilmente ne far? calare le fino ad ora alte quotazioni)



Il 28/1.4 cos? come il 58/1.2 ? un pezzo unico sia per la scarsa disponibilit? di pezzi che per la costruzione "amanuense" particolarissima.
Si tratta peraltro di oggetti progettati quando il CAD non si sapeva cosa fosse o quasi.
Oggi ? sicuramente tutto pi? facile.
Beh, Mauro, il 28mm f1.4 negli ultimi due anni ha raggiunto quotazioni assolutamente fuori mercato, assolutamente ingiustificate.
Pi? alte di quelle che saranno i prezzi del nuovo 24mm dopo l'estate.

Ricordo che circa tre anni fa passarono da NOC un paio di 28mm f1.4 intorno agli 800?.
L'ultimo, due o tre mesi fa, ? stato venduto a 1600?...Immagine inserita

Proprio di fronte ad un "nuovo nato", che avr? quindi un prezzo vero e non fittizio come molti AFD ed AIS ormai solo virtualmente in produzione, le quotazioni dell'usato dovranno adeguarsi.
Pena, semplicemente, l'azzeramento del mercato (un po' come le case a Milano in questo momenti... prezzi altissimi e mercato inesistente, quindi prezzi fittizi).

Un ritorno alle quotazioni di qualche anno fa (circa il 50% del prezzo "street" del nuovo 24, quindi intorno agli 800-900?) credo sar? verosimile.

Stessa cosa succeder? con il 58mm, se e quando Nikon riproporr? un f1.2 di quella classe (peraltro improbabile in tempi brevi, come abbiamo detto).
I duemila Euro attuali sono giustificati esclusivamente da ragioni collezionistiche...

Rimarranno certamente obbiettivi rari, ovviamente, ma a differenza dei sopravvalutatissimi Leica et similia continueranno ad avere un valora collezionistico inferiore.
Sar? un caso, ma dei pochi 28mm f1.4 che ho visto in vendita qua e l? ultimamente, nessuno era in condizioni perfette.... segno che sono obbiettivi che vengono usati (come ? giusto che sia).
a_
Altro esempio....
Il Sigma 1000mm f8 AF che ha sempre NOC da mesi, ormai.

Se non esistessero i Nikon 600mm e relativi moltiplicatori, se non ci fosse il Sigma 800mm f5.6, se non ci fosse il Sigma 300-800 f5.6....
Molto probabilmente si sarebbe gi? presentato qualcuno con 3400? in mano a prendere quella lente.

Ma esistono, per cui quel prezzo (peralto molto probabilmente adeguato alla qualit? del prodotto)... ? fittizio.
? questo che intendevo.

Credo che succeder? una cosa molto simile al 28mm f1.4, ora che esiste il 24mm G, se i prezzi non si adegueranno.
a_

P.S. In fondo, gi? ora c'? una bella offerta di Sigma nel campo dei fissi wide superluminosi (addirettura due o tre f1.8 a partire dai 20mm), che sfidano apertamente il 28mm f1.4 di Nikon.
Per il nuovo 24mm sar? una bella sfida!

P.S. In fondo, gi? ora c'? una bella offerta di Sigma nel campo dei fissi wide superluminosi (addirettura due o tre f1.8 a partire dai 20mm), che sfidano apertamente il 28mm f1.4 di Nikon.
Per il nuovo 24mm sar? una bella sfida!


Immagine inseritaImmagine inseritaImmagine inseritaImmagine inseritaImmagine inseritaImmagine inserita

Sapevo non sarei riuscito a rimanere serio a lungo....
Immagine inserita
a_
Foto
Mauro Maratta
feb 11 2010 11:39
Andrea ... i Sigma F1.8 fanno parte di un'altra categoria ... sono offerti a buon prezzi in alternativa al 20/2.8, per chi vuole provare l'ebbrezza del brivido della nebbia anche quando c'? il sole.

Francamente io non ho mai visto il 28/1.4 proposto a prezzi inferiori ai 1.500 euro, a maggior ragione da quando il formato FX lo ha riproposto per quel bel esempio di ottica di nicchia che ? sempre stato.

Il 24/1.4 sicuramente cambier? l'offerta, certo ma del nuovo.
Se tu avessi il 28/1.4 te lo venderesti ?
Io non credo. E nemmeno gli altri felici proprietari, tranne che l'esemplare non fosse danneggiato e quindi sostituito con il nuovo G

Stesso discorso per il 58/1.2. Se e quando Nikon sar? in grado di rifare un obiettivo con quella plasticit? a tutta apertura ...
Foto
giannizadra
feb 11 2010 12:14

Francamente io non ho mai visto il 28/1.4 proposto a prezzi inferiori ai 1.500 euro, a maggior ragione da quando il formato FX lo ha riproposto per quel bel esempio di ottica di nicchia che è sempre stato.

Stesso discorso per il 58/1.2. Se e quando Nikon sarà in grado di rifare un obiettivo con quella plasticità a tutta apertura ...


Pensa che a me, nel 2007, un caro amico (Giallo ne sa qualcosa...) li offrì entrambi, a molto meno di quella cifra (cadauno).
E che io dovetti ricusare; stavo facendomi il gruzzolo per la D3.
Rosico ancora adesso, quando il fatto mi torna in mente.
Probabilmente hai ragione, staremo a vedere.
Di certo stiamo parlando di oggetti comunque "destinati a pochi", nel senso che una parte della produzione dei nuovi 24mm sar? comprata da "amatori poco evoluti ma molto danarosi".
Gente che sicuramente non sar? interessata agli usati.
Ma io confido sul fatto che anche qualche attuale possessore sia di quella categoria, e se ne voglia liberare...Immagine inserita

Se tu avessi il 28/1.4 te lo venderesti ?
Io non credo. E nemmeno gli altri felici proprietari, tranne che l'esemplare non fosse danneggiato e quindi sostituito con il nuovo G


Son sogni, i miei, perch? ? da tempo che un wide superluminoso ? un mio sogno.

E, sinceramente, credo che un 28mm sarebbe una focale pi? adatta a me, rispetto al 24mm.
Anche se credo "ceder?" al nuovo oggettino, in autunno.
a_
Foto
marco cavina
feb 13 2010 09:01

Anch'io, diversi anni fa, utilizzavo il 28mm f/1,4 AF-Nikkor come "normale luminoso" per la Nikon D-100 ed apprezzavo molto la resa del fuori fuoco con bo-keh molto gradevole e praticamente privo di coma (in Nikon, ai tempi della sua progettazione, aveva il nickname "Noct-Nikkor 28mm"); questa immagine ? stata realizzata proprio con tale accoppiata, scattando a mano libera con 1/5" @ f/1,4 e 1600 ISO, per Halloween 2003: allora mi sembrava di toccare il cielo con un dito!

01.jpg


Ciao Marco

Foto
Mauro Maratta
feb 13 2010 10:51
Perch?, Marco, adesso con D3 e D700 il 28/1.4 non ce l'hai pi? ? :suicide:
Foto
marco cavina
feb 13 2010 12:21

Perch?, Marco, adesso con D3 e D700 il 28/1.4 non ce l'hai pi? ? Immagine inserita



No, stai tranquillo, il mio 28/1,4 - che poi ? l'esemplare illustrato nell'articoletto - ? ancora al suo posto in batteria... Sottolineavo solamente il suo ruolo importante come succedaneo del "normale luminoso di qualit?" ai tempi in cui il sensore era solo DX ed il 50/1,4 si trasformava in un obiettivo con angolo di campo meno sfruttabile per impieghi generici.

Ciao Marco
Foto
Mauro Maratta
feb 13 2010 12:37
E che ne pensi a questo punto del nuovo 24/1.4G appena presentato ?
Foto
marco cavina
feb 15 2010 11:57

E che ne pensi a questo punto del nuovo 24/1.4G appena presentato ?



Che posso dire, ho visto solo la foto del guscio esterno..... Immagino laconicamente che sar? stata applicata grande cura per garantire proiezione telecentrica, alta correzione delle aberrazioni cromatiche e controllo dei riflessi parassiti interni.

Effettivamente, la Nikon aveva gi? da anni nel cassetto i progetti completi per un 24/1,4 e per un 20/1,4, ma per quel poco che capisco dagli scarni dati del press release (numero di lenti convenzionali ed asferiche, vetri ED) posso dedurre che il 24/1,4 in procinto di arrivare sul mercato NON E' lo stesso 24/1,4 progettato negli anni '90 e del quale conservo copia del brevetto... Probabilmente perch? il progetto pi? datato non era imbastito tenendo conto delle esigenze attuali, appunto una proiezione telecentrica, il controllo dei riflessi parassiti del sensore ed una correzione spinta dell'AC.

Ho usato nel tempo i 24/1,4 L della concorrenza, sia FD che EF, ed ormai temevo che Nikon, forte delle prestazioni ad altissimi ISO dei suoi recenti apparecchi, avesse deciso di proseguire sulla via degli zoom f/2,8, abbandonando la nicchia dei superluminosi; questi ultimi, in realt?, sono insostituibili non tanto per garantire la presa a mano libera in available light quanto per l'impiego creativo della ridottissima PDC e della loro resa plastica.

Bene, quindi, evviva!

Marco
Foto
marco cavina
feb 14 2014 10:31

NIKKOR 28mm f/2 E 28mm f/1,4 : STORIA E RETROSCENA TECNICI INEDITI DEI DUE FAMOSI GRANDANGOLARI LUMINOSI DI CASA NIKON
 

[...]

Clicca qui per leggere l'article

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi