Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Nikon 200mm f4 AfD ED micro-nikkor e Sigma 180 APO Macro

macro nikon 200mm sigma 180mm f3.5

Per la macrofotografia sul campo, specialmente ad insetti ed altri piccoli animali,  i tele macro lunghi (180-200mm),  danno dei vantaggi importanti: stare più lontano dal soggetto, abbassare più facilmente il punto di ripresa e uno sfocato più omogeneo. Vediamo come si comportano  i due tele macro più famosi con attacco Nikon.
 
 
I protagonisti:
 
Immagine Allegata: comparison.JPG
 
 
 
Introduzione

Devo confessare che sono un fanatico di obiettivi macro e sia per necessità che per passione credo di aver provato *quasi* tutti i macro con attacco Nikon!
Per la macrofotografia sul campo, specialmente ad insetti ed altri piccoli animali, preferisco comunque i tele macro lunghi (di focale 180-200mm),  perché danno alcuni vantaggi importanti: il più ovvio è che, a parità di rapporto di riproduzione, posso stare più lontano dal soggetto, quindi è meno probabile che scappi o mi aggredisca (secondo il carattere, con i calabroni ha ancora qualche problema); il fatto di poter stare più lontano, mi consente inoltre di abbassare più facilmente il punto di ripresa portandomi al livello del soggetto con molta meno fatica.
Infine, l'angolo di campo più stretto mi da' uno sfocato più omogeneo, isolando il soggetto dallo sfondo che con un po' di attenzione posso rendere omogeneo, senza macchie o altri elementi di disturbo. Certo ci sono anche degli svantaggi, i tele macro  sono più pesanti ed ingombranti di un 105mm, è quasi impossibile usarli a mano libera e perciò è necessario un cavalletto (di quelli che consentono di abbassarsi molto).  
Ma  passiamo alle recensioni:
 
 
Nikon  Micro-nikkor  200mm f4 AfD ED

Dati tecnici:

Schema ottico: 13 lenti in 8 gruppi (2 lenti ED)

Distanza minima di messa a fuoco: 50cm (distanza di lavoro 26cm)

Rapporto di riproduzione 1:1

Diametro filtri 62mm

Dimensioni 76x193mm

Peso 1200gr
 
Immagine Allegata: 200schema024.jpg
 
(schema tratto dal depliant nikon)
 
 
Costruzione e ergonomia

il Nikon è una roccia, maneggiandolo si ha una sensazione di solidità e "sostanza" che non ha nulla da invidiare ai leggendari Ai.
Il rivestimento è quello tipico "raggrinzito" degli obiettivi professionali della sua generazione,
La ghiera di messa a fuoco è ampia e situata in una posizione molto avanzata, che può sembrare strana, ma è molto comoda quando si ha l'obiettivo su cavalletto (cioé quasi sempre!), offre un po più resistenza rispetto a quella del 200 micro Ai, a mio parere  l'equilibrio fra fluidità e resistenza è perfetto, rendendo la focheggiatura a mano un vero piacere. L'autofocus invece è puro antiquariato, lento e molto rumoroso, inoltre non è possibile correggere in continuo in quanto per passare da Af a Mf occorre ruotare un anello (operazione scomoda) .
Tra l'altro l'anello di commutazione Af/Mf è di plastica e ci devono essere delle tensioni col barilotto metallico perché quasi tutti i 200 micro AFD che ho visto hanno l'anello che si è crepato (io l'ho preso che aveva l'anello intero, ma dopo un po' di commutazioni Af/Mf ahimé è successo anche a me). L'anello  può essere comunque riparato anche in casa con un po' (poco!!) di Attak o simile, così suggerisce Bjorn Roerslett (naturfoto)  e così  ho fatto io.
Sulla finestrella di messa a fuoco sono riportati i valori delle distanze in metri e piedi ed il rapporto di riproduzione corrispondente. Il collare per il cavalletto è girevole ma non asportabile, è molto solido, ha un profilo molto basso ed il piede è lungo e porta due fori filettati, per cui assicura una stabilità assoluta, nulla a che vedere con il collare del 300 F4 AFS e 80-400 VR.
 
Immagine Allegata: _DSC4670.JPG
 
 Il paraluce, metallico, robusto e zigrinato come l'ottica,  è relativamente corto e non è in dotazione (chi mi ha venduto l'obiettivo  me ne ha gentilmente fatto omaggio...).
Il 200mm micro-nikkor Afd ED arriva ad 1:1 ad una distanza di messa a fuoco di 50cm e di lavoro (distanza soggetto-lente frontale) di 25 cm.
Non esistono moltiplicatori nikon Af originali, solo per Ai o AFS-AFI, per cui, per moltiplicare il micro nikkor e mantenere l'Af, bisogna rivolgersi agli af universali  come il kenko o il sigma ex apo o usare i tc manuali.
Purtroppo il micro-nikkor 200mm AfD  ha in corrispondenza della baionetta una maschera rettangolare che impedisce l'innesto di moltiplicatori il cui elemento anteriore sporga in avanti. Quindi niente TC14B,  TC 301 o TC E "fresati", a meno di interporre un anello di prolunga, verificando prima che l'elemento frontale ci "passi" Ad es il TC 14 EII non passa per i tubi Kenko DG.
 
[pag]
 
Qualità ottica
La qualità del Nikon in macro è eccellente, la resa dei colori  neutra, il contrasto ottimo, la  resistenza al flare in controluce e luce laterale  elevata,  si può quasi  sempre fare a meno del paraluce. Anche  alle medio lunghe distanze il contrasto non cala e la qualità di immagine rimane altissima.
La nitidezza è leggendaria, incredibile alle distanze ravvicinate, rimane ottima anche nelle riprese alle distanze medio lunghe, dove l'unico handicap è  rappresentato dalla esasperante lentezza dell'Af.
 
Immagine Allegata: 211-070910220730.jpg
 
Immagine Allegata: anacridium1lr.jpg
 
 
Un bruchetto che finge di essere un rametto: 
 
Immagine Allegata: 211-270909204614.jpg
 
Con il Kenko 1.4x  PRO DG non ci sono problemi di innesto e la resa si mantiene molto buona;  Con il 2x Kenko si avverte un certo calo, ma se si usa un po' di attenzione, si possono ottenere immagini sufficientemente buone, giudicate voi.
Ripesa con il 200 micro + il 2x Kenko (treppiedi e cavo di scatto...)
 
Immagine Allegata: nikonconverted.jpg
 
Crop al 100%
 
Immagine Allegata: nikoncropconverted.jpg
 
Si possono vedere gli ommatidi (le "cellette" che formano l'occhio composto)!!!
 
[pag] [/pag]
 
 
Sigma 180mm f3.5 APO MACRO EX DG HSM

Dati tecnici:

schema ottico: 13 lenti in 10 gruppi (2 lenti SLD)

distanza minima di messa a fuoco: 46cm (distanza di lavoro 23cm)

Rapporto di riproduzione 1:1

Diametro filtri: 72mm

Dimensioni 80x182mm

Peso: 965gr
 
Immagine Allegata: sig180schema025.jpg
 
(dal catalogo SIGMA)
 
 
Costruzione e ergonomia

Il Sigma è un obiettivo robusto, ottimamente costruito, a parte la quanto mai discutibile finitura EX (che però non mi ha dato particolari problemi, al contrario che con il Sigma 80-400 OS che si "pelava" al minimo tocco).  Il collare di attacco per il cavalletto è solido , ruotabile ed asportabile; il paraluce (in dotazione) è molto profondo, per cui un po' ingombrante, non tanto nel trasporto, perché si può montare a rovescio sull'obiettivo quando non in uso, ma proprio quando si fa macro, perché ruba molta distanza di lavoro  preziosa. 
 
Immagine Allegata: _DSC4671.jpg
 
L'autofocus è silenzioso, ad ultrasuoni, è  piuttosto lento, ma non eccessivamente; cosa importante permette la correzione manuale continua.
La messa a fuoco manuale è facile e precisa, ma meno agevole che nel nikon, la ghiera offre una buona resistenza, ma la rotazione come in molti obiettivi a ultrasuoni, è leggermente "in ritardo" e non ha stop ben definiti a fine corsa.
Il rapporto di riproduzione di 1:1 corrisponde ad una distanza minima di messa a fuoco di 46cm ed a una distanza di lavoro di 23 cm circa. (sulla finestrella di messa a fuoco sono riportati i classici valori delle distanze in metri e piedi più il rapporto di riproduzione corrispondente).
Sul fianco del barilotto è presente un interruttore per selezionare le distanze di messa a fuoco. Accetta i moltiplicatori dedicati Sigma EX, mantenendo l'Af con il converter 1,4x da infinito a 1,2m; al di sotto di questa distanza in presenza del converter l'Af si disattiva automaticamente (più o meno, a volte si limita a focheggiare avanti/indietro con sinistri ronzii).
 
Immagine Allegata: _DSC4669.JPG
 
[pag]
 
Qualità ottica:
La qualità  ottica del Sigma in macro è ottima, come nitidezza non ha nulla o quasi  da invidiare ai parenti più nobili  (e molto più cari), la resa del colore è molto buona, ma con una leggera dominante calda e anche il contrasto è  buono.
 
Immagine Allegata: prugnw.jpg
 
Immagine Allegata: accoppiamento2w.jpg
 
Unico piccolo neo la creazione di riflessi in caso di controluce/luce laterale, con conseguente perdita di contrasto e comparsa di flare, in questi casi il paraluce aiuta molto, quindi, se non si hanno problemi di fuga del soggetto, conviene tenerlo montato.
Sulle distanze medio lunghe e ad infinito la resa cala visibilmente, sopratutto per via della perdita di contrasto, a differenza del Nikon.
La resa (alle brevi distanze) con il Sigma EX 1,4x è ottima, quasi indistinguibile dall'obiettivo "da solo"; con il 2x si ha un calo più pronunciato, ma comunque i risultati rimangono pienamente  accettabili. I dati exif vengono corretti.

Sigma 180 con il TC 1.4x Apo Ex
 
Immagine Allegata: dittero1w.jpg
 
Giudizio comparativo

Entrambi gli obiettivi sono molto validi ed è un piacere usarli. Nella focheggiatura manuale il Nikon è molto meglio del Sigma, in Af la situazione si rovescia completamente.
La resa ottica del Nikon in macro è eccellente, la nitidezza è quasi uguale o lievemente superiore a quella del Sigma, in un test che ho fatto prima di cambiare obiettivo, ho notato una lieve differenza a vantaggio del Nikon solo ad ingrandimenti prossimi al 100%.
I punti luminosi fuori fuoco sono resi come cerchi più o meno perfetti dal Sigma, nel Nikon a ingrandimenti elevati si vede invece una "dentellatura" in sulla circonferenza, dovuta alle lamelle del diaframma.
Entrambi gli obiettivi sono IF quindi riducono la focale effettiva alle brevi distanze, tanto più quanto più vicino focheggiano.
Al Rapporto di Riproduzione di 1:1  il Sigma ha una lunghezza focale effettiva di 115mm e il micro-nikkor di 125mm, questo ha un'influenza non tanto per la distanza di lavoro (un obiettivo non IF si allungherebbe moltissimo e la differenza non sarebbe poi molta), quanto per la resa prospettica, ossia la sfocatura dello sfondo non è quella che ci si aspetterebbe da un 180 o 200, purtroppo.
La riduzione di focale avviene  gradualmente, man mano che si riduce la distanza secondo una curva discendente.
Il Nikon cala in modo più brusco vicino al RR pari a 1:1, mentre a RR minori mantiene una discreta lunghezza focale ad es è ancora un 160mm effettivi a 1:2, consentendo un buon sfuocato (il Sigma a 1:2 ha una focale effettiva sui 135-140mm).
 
Prezzo. Il Sigma costa molto, molto  meno del Nikon... un 180 al prezzo di un 105...  
Quale comprare? Nell'uso pratico si riescono a fare eccellenti macro con entrambe le ottiche,per cui prendetevi quello con cui vi trovate meglio, o che potete permettervi (il mio 200 micro l'ho trovato usato a poco più del prezzo di un sigma nuovo...).
A favore del Nikon c'è la costruzione il rivestimento più robusti, la  resa più neutra dei colori, il miglior contrasto e la focale effettiva maggiore fino a 1:2.; a favore del Sigma c'è  l'Af con la correzione manuale continua, un miglior dialogo con i duplicatori dedicati e il costo, che fanno del 180 Sigma uno degli obiettivi dal miglior rapporto qualità/prezzo (come potrebbe essere anche il Tamron 180 Macro, che però non ho mai provato), come testimonia anche la sua larghissima diffusione fra i macrofotografi.
Se siete appassionati di macrofotografia, procuratevi uno di questi specialisti, qualunque scegliate non ve ne pentirete.

©  Silvio Renesto 23 gennaio 2011
 
Test: Yes



17 Comments

Foto
Mauro Maratta
gen 23 2011 16:51
Bel test.

Mi spieghi perch? hai sostituito il 150 Sigma con il 180 ? Io ho avuto il primo ed ho usato solo sporadicamente il secondo ma devo dire che attendo con interessa la nuova versione stabilizzata per ricomprarlo ...
Molto bene.
Il problema dell'accorciamento di focale ? presente su tutti gli IF, anche il 105 micro AFS VR alla distanza di 1:1 non ? un 105mm e immagino che la cosa sia pi? evidente per maggiori lunghezze focali.
Sull'apertura di diaframma credo si possa sorvolare dato che l'uso a cui sono destinati questi obiettivi prevede sempre chiusure notevoli ma tanto pour parler sempre il 105 micro alla minima distanza di messa a fuoco, non ? pi? un 2.8 ma un 3.2 se ben ricordo.

Nella mia fase "macro" ho avuto in mente il 200 Nikkor che recensisci (l'ho cercato usato per un po') ma poi non ne ho fatto di nulla. Meglio cos?, col senno di poi, dato che sono rimasto all'ABC di questo genere, senza mai approfondirlo nemmeno quanto a sperimentazione sul campo. Avevo il 200 micro AIS f/4 e devo dire che non l'ho mai sfruttato al 100% per le sue potenzialit?. Era un obiettivo magnifico.
Tenendo sempre un occhio sul mondo vedo che il Sigma 180 ? un successo commerciale strepitoso tra gli appassionati e sono innumerevoli gli entusiasti utilizzatori.
Esiste anche un Tamron 180 f/3.5 sempre macro, non so se lo hai mai provato: sul mercato dell'usato ? quasi introvabile, forse perch? ? una uscita pi? recente del Sigma.

Si potrebbe a questo punto fare una digressione sull'uso di focali cos? lunghe nella fotografia macro. Mi soffermo brevemente per dire (per esperienza personale) che ci vuole manico (ed io non l'ho mai avuto, per questo ho abbandonato). A gestire un 60mm o un 105mm tutti sono buoni ma quando si va sui 180-200mm la tecnica e tutta l'attrezzatura di "contorno" devono essere all'altezza perch? i tempi si allungano moltissimo, soprattutto a causa dell'impiego di diaframmi chiusi e del fatto che non si fotografa quasi mai in piena luce solare. Aggiungi poi dei tubi ed ecco ti ritrovi con un "accrocchio" lungo e pesante che necessita di una infinita serie di accortezze al fine di evitare un facilissimo micromosso!

Complimenti quindi per i risultati ottenuti. :)
Foto
giannizadra
gen 23 2011 20:51
Ottimo lavoro, Silvio.
Conosco piuttosto bene il 200/4 Micro AFD, che ho usato (pochino) in macro, e di pi? in impieghi generici, non solo a distanza ravvicinata.
Lo ritengo eccellente, il migliore dei Micro, e mi ritrovo in tutte le tue considerazioni su di esso.
E' certamente un'ottica pi? specialistica dei vari 60 e 105 non tanto per i cromatismi e il contrasto (anzi da questo punto di vista l'ho trovato molto simile al 300/2,8 AFS), quanto per l'ingombro e la lentezza dell'AF nell'uso "normale".
E' insostituibile per i macrofotografi, sia per la distanza di lavoro comunque pi? elevata dei confratelli, sia per gli sfondi " pi? stretti" e "pi? sfuocati" a parit? di diaframma e di RR del soggetto.

PS. Non ho mai avuto per le mani, invece, il 180 Sigma, di cui ho solo visto una serie di file decisamente buoni.
Foto
Silvio Renesto
gen 23 2011 21:08
Rudolf: Ho cambiato il 150 perch? l'ho trovato (curiosamente?) migliore come sostituto di un 80-200 che come macro lungo. Non per la qualit?, pari al 180, ma perch? per il "mio" modo di fare macro, la lunghezza focale effettiva e le distanze di lavoro sono importanti; a 1:1, il 150 ? un 95mm effettivi con distanze e prospettiva da 95mm; e 4-5cm di differenza nella distanza di lavoro sono importanti.
MB 1942 Non ho (purtroppo) avuto mai un'esperienza diretta con il Tamron, solo visto dei file e sentito/letto cose. Chi ce l'ha ne parla molto bene, soprattutto per la nitidezza ed i colori, forse l'af tradizionale lo penalizza rispetto al Sigma.
Gianni: concordo, infatti uso rarissimamente il 200 al di fuori della macro, non per la qualit?, ma per l'af.

Grazie a tutti dei commenti!

Ciao,

Silvio


PS: MB 1492, Ottimo il tuo report sul bird gardening e preparazione del terreno in generale. Da senza vergogna che sono, se abitassi dalle tue parti mi piacerebbe "scroccare" un giretto nella tua "riserva" privata :D
Foto
Mauro Maratta
gen 24 2011 09:02

Rudolf: Ho cambiato il 150 perch? l'ho trovato (curiosamente?) migliore come sostituto di un 80-200 che come macro lungo. [...]


Ok, allora siamo allineati. Ritengo quel 150 mm Sigma tra i migliori tele moderati disponibili oggi (non per la macro) e la nuova versione che aggiunger? anche l'OS sar? ancora pi? polivalente.

[...]


PS: MB 1492, Ottimo il tuo report sul bird gardening e preparazione del terreno in generale. Da senza vergogna che sono, se abitassi dalle tue parti mi piacerebbe "scroccare" un giretto nella tua "riserva" privata :D


Quando vuoi! Sar? un piacere. :)
Foto
danighost
gen 24 2011 21:26
Ho solo provato il 180 Sigma, mentre come 200 Nikon sono attratto dalla versione MF, anche se ? 1:2, come ottiche sono difficili da usare a mano libera, a quel punto uso il 300mm Sigma, poi sotto l'RR 1:3 vado di 105.
Foto
Silvio Renesto
gen 25 2011 20:35

Ho solo provato il 180 Sigma, mentre come 200 Nikon sono attratto dalla versione MF, anche se ? 1:2, come ottiche sono difficili da usare a mano libera, a quel punto uso il 300mm Sigma, poi sotto l'RR 1:3 vado di 105.


Infatti non faccio quasi mai macro naturalistica a mano libera. Trovo eccellente la focale lunga (180 o 200) anche a rapporti vicini a 1:1, concordo per? che a 1:3 il 300 ? anche meglio.
Il 105 lo uso quasi esclusivamente per lavoro, allora quando non posso usufruire di stativo trovo ottimo avere a disposizione il VR + flash.
Ciao,

Silvio
Foto
danighost
gen 25 2011 20:50
Immagino che per il tuo lavoro, i flash sono quasi d'obbligo?

Ps questa primavera, ci si pu? trovare per 2 foto macro?
Foto
Silvio Renesto
gen 25 2011 21:30

Immagino che per il tuo lavoro, i flash sono quasi d'obbligo?

Ps questa primavera, ci si pu? trovare per 2 foto macro?


Per il mio lavoro:
Se il materiale ? da me o l'istituzione che mi ospita ce l'ha, uso preferibilmente gli stativi da riproduzione con illuminatori fissi, diffusori ecc.(io ho un vecchio, grosso IFF super repro credo in laboratorio, insomma il tavolone nero), perch? devo fare spesso foto di particolari, controllare le ombre, e ne devono uscire le foto per le tavole e figure che pubblicher?.
Mi capita per? di dover riprendere al volo su un tavolo o sul terreno del materiale di documentazione o per didatica ed allora come ho scritto il flash ed il VR sono una benedizione.
Un mio collega un tempo usava una yashica con un 120 o 100 dental (con il flash anulare incorporato come i medical nikkor)

Per l'uscita macro:
Volentieri!

Ciao,

Silvio
Foto
danighost
gen 25 2011 23:04

Per il mio lavoro:
Se il materiale ? da me o l'istituzione che mi ospita ce l'ha, uso preferibilmente gli stativi da riproduzione con illuminatori fissi, diffusori ecc.(io ho un vecchio, grosso IFF super repro credo in laboratorio, insomma il tavolone nero), perch? devo fare spesso foto di particolari, controllare le ombre, e ne devono uscire le foto per le tavole e figure che pubblicher?.
Mi capita per? di dover riprendere al volo su un tavolo o sul terreno del materiale di documentazione o per didatica ed allora come ho scritto il flash ed il VR sono una benedizione.
Un mio collega un tempo usava una yashica con un 120 o 100 dental (con il flash anulare incorporato come i medical nikkor)

Per l'uscita macro:
Volentieri!


Ciao,

Silvio


Grazie

Per l'uscita macro ci risentiamo, io sto curando le prime fioriture invernali, per togliere un po' di ruggine.
Foto
vetrofragile79
mar 28 2011 00:50
che bell'articolo,complimenti.
Approfitto per fare una domanda da totale incompetente: ho visto fotografie macro scattate con un 300 f4 + tubi di prolunga,quali sono i pro e i contro di tale soluzione al posto di un'ottica dedicata come il 180 sigma?
Foto
Mauro Maratta
mar 28 2011 07:44

Rudolf: Ho cambiato il 150 perch? l'ho trovato (curiosamente?) migliore come sostituto di un 80-200 che come macro lungo. Non per la qualit?, pari al 180



Il 180 Sigma non figura pi? in catalogo. Non ? pi? in produzione, mentre sono mantenuti a catalogo i due 150 mm nelle due versioni originaria e nuova con stabilizzatore.
Foto
Silvio Renesto
mar 28 2011 09:16

che bell'articolo,complimenti.
Approfitto per fare una domanda da totale incompetente: ho visto fotografie macro scattate con un 300 f4 + tubi di prolunga,quali sono i pro e i contro di tale soluzione al posto di un'ottica dedicata come il 180 sigma?


Il grandissimo (e ahim? sfortunato) Ronnie Gaubert (il mio idolo per la macro!!!) usava sempre un 300 f4 AFS + tubi di prolunga. Il vantaggi sono:
Uno sfuocato da favola, che ti isola magnificamente il soggetto dallo sfondo.
una maggiore distanza dal soggetto che ti permette di non farlo scappare e di lavorare meglio in luce naturale. anche pi? facile posizionarsi bassi, per la parallasse.
Lo svantaggio ? che non riesci ad ottenere rapporti di ingrandimento molto spinti.
Io ho usato ed uso tutt'ora sia il 200 micro che dei tele pi? lunghi con i tubi, perch? sono due cose diverse, se voglio riprendere un grosso insetto (farfalla, libellula) intero, ben isolato dallo sfondo, uso il 300/400 con i tubi. Con il 300 f4 AFS che gi? di suo mette a fuoco vicino, fai cose egrege.
Se voglio invece il particolare, allora uso il 200 micro, con o senza tubi, dipende.
Con entrambi il cavalletto ? necessario, a mio parere, ma con il 300+tubi ? imprescindibile.
Ciao,

Silvio
Per quanto st? per dire.. non vi ? un topic .. perci? anche se parzialmente sono OT lo aggiungo in questa parte...

Micro Nikkor 200 mm AI/ AI-S..

il vetro in questine per essere stato costruito utilizzando vetri con terre rare.. tipi lantanio.. et similia, ? da considerarsi radioattivo... come altri tra'latro...

scoperto su You tube pochi giorni f?...

mi metter? i guanti... di piombo..
Foto
Silvio Renesto
set 04 2013 07:52

Introduzione

Devo confessare che sono un fanatico di obiettivi macro e sia per necessità che per passione credo di aver provato *quasi* tutti i macro con attacco Nikon!

 

 

[...]

©  Silvio Renesto 23 gennaio 2011
 

Clicca qui per leggere l'article

il mio.. 35 non credo proprio...   ancora non te l'ho prestato...

 

se lo chiedi..   beh.. si prenderà in visione la richiesta...

 

( a che ora arrivi?... tra poco?.. bene bene...)    :rolleyes:   :rolleyes:    :rolleyes:    :rolleyes:     :rolleyes:

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi