Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

I Nikkor 20 mm : di tutto di più !


Sono nato grandangolarmente parlando con un 24mm Sigma per Nikon che insieme al suo opposto (il Sigma 400) ho portato in lungo e in largo per l'Europa, solo perché in America o Australia non ci sono mai andato

Il 24mm in particolare, é stato comprato a Napoli, quando comandavo un plotone di Carri armati Leopard e me lo portavo fin dalle esercitazioni di pilotaggio insieme alla fida F301 sotto la mimetica.

Immagine inserita

Ha fatto street reportage e fotografia subacquea, dentro una custodia da tre lire (non traducibili neanche in euro...per i più giovani ) gli si sono ossidate le viti di ottone nipponico e ha cominciato a manifestare muffe già da giovane, a causa dei trattamenti subiti...

Gli ho messo le :brindanodiavoletti: solo molti anni dopo, quando comprai di terza o quarta mano un Nikon AF 20mm f/2.8, della prima serie, incuriosito più dal prezzo basso che da una reale esigenza (pensavo... )


Da quel momento il mio wide-pensiero si é tatuato dei 94 gradi di prospettiva orizzontale del suo angolo di campo e non ce ne ?éstato più per nessun altro!

Sono anche riuscito a vendere matrimoni realizzati in parte col 20mm, tale é diventata la mia simbiosi con questa focale! (piazzando le distorsioni ottiche per originali trovate )


Toglietemi tutto ma non il mio 20 ... dicevo...!


Alcuni anni di uso intensivo consentirono alla ghiera di messa a fuoco di quel vetusto esemplare, di raggiungere giuochi mai neanche immaginati dagli ingegneri con gli occhi a mandorla che l'avavano disegnato e mi indussero a cercarne un sostituto in migliori condizioni: ero appena entrato in ebay area e beccai un AFD dal medesimo schema ottico di 12 lenti in 9 gruppi, che mi parve essere un pelo più cristallino del precedente... frutto evidentemente di suggestione o... dei micrograffi probabilmente presenti sul vetro precedente.


Il problema si manifestò nella sua interezza quando cominciai a percepire i prodromi della patologia che mi ha portato a possedere oggi più di cinquanta lenti Nikkor (tra le quali più di due terzi non AF) e una dozzina di corpi macchina di tutte le epoche e cominciai a trovare su ebay alcune tra le ottiche che hanno segnato indelebilmente il corso della vita della Nippon Kogaku e che avevano rappresentato per me decenni di sogni non soddisfatti.


Per farla breve, negli ultimi quattro anni mi sono passati tra le mani una mezza dozzina di ottiche di quella focale (i 20mm), praticamente tutti i tipi prodotti dal 1967 in poi, con la sola eccezione del mitico 21mm non retrofocus, che costa ancora cifre spropositate.


Recentemente sono venuto in possesso dell'ennesimo "padellone" Nikon Nikkor-UD 20mm f/3.5 Ai-d cioé baionetta F modificata Ai da Nikon stessa, compatibile pertanto con la mia D200 più di quanto non sia il suo siamese non-Ai che sembra appena uscito dal negozio, pur avendo almeno 32 anni (la produzione degli UD iniziò nel 67 e cessò nel 74) e stamattina mi sono divertito a scattare un po' di foto alternandolo al Nikon AFD 20mm f/2.8 (di cui prima) ed allo Zoom AF-S 17-35mm f/2.8 ED-D, ovviamente usato alla focale "cruciale"!


Nulla di serio ancora e molto divertimento invece a constatare una volta di più che la bontà di un progetto ottico non si misura in ordine alla velocità dell'AF (come credono in tanti) ma in relazione alla qualità del vetro e alla disposizione dello schema ottico: questo consta di 11 lenti in 9 gruppi (da cui deriva la sigla UD che sta per undici in latino) e mette a fuoco minimo a 30cm contro i 25cm dei due più recenti e pesa una cifra, ben 390grammi a causa della lente frontale da addirittura 72mm di diametro.


Ho scattato con un'impostazione "allegra": WB sole, varie ISO, saturazione VI, in spot, semi e matrix, a seconda delle esigenze, cercando di mantenere il più possibile simili le inquadrature a mano libera e nel più breve tempo possibile cambiando ottica, per evitare salti eccessivi di luminosità.


Immagine inserita

Immagine inseritaImmagine inserita

la palma by 20mm f/8... sopra: UD, sotto: a sinistra con l'AFD, a destra con lo zoom AFS


nello stesso ordine, misurazione spot sulle radici in basso

Immagine inserita


il sole in inquadratura per vedere il flare?

bello il fisso AF-D... no?

e...il diaframma dell'UD sparso qua e la...

(si lo so... ho il sensore sporco...! )

spot sulla nuca della statua:

Immagine inserita


ancora...

f/16 in slow sinc col flash incorporato della D200...

Nikkor UD poi AFD ed infine lo zoom (con un terzo di diaframma più chiuso... per errore)

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita


a ISO 800 con esposizione Center-weighted, quasi infallibile anche rispetto il Matrix in situazioni complesse come la presente...

(tutte le immagini sono state fin qui scattate in jpg fine e sRGB senza apportare alcuna correzione in postproduzione)

Immagine inserita


e dulcis in fundo... Rosolino Pilo

a f/8 e sperando nella costanza di sole e nuvole...

Immagine inserita

la realtà dei fatti premia la correzione estrema del progetto datato del 1967 che, per non essere la magnificienza dei wide estremi attuali é ancora oggi una lente di tutto rispetto, anche tenuto conto di un probabile ingiallimento di qualche elemento.

Consente di focalizzare il soggetto pur lasciandolo nel contesto circostante e se pur affetto da flares decisi in situazioni di controluce estremo, essi non desaturano il soggetto inquadrato ma si "aqggiungono" ad esso.


Pesa ma rende e su pellicola si nota ancora di più !


I due obiettivi moderni sono quanto di meglio ci si possa aspettare da una focale difficile come il 20mm, difficile anche e sopratutto in digitale DX, dove a causa della ridotta copertura rischia di diventare una focale né carne né pesce, nonostante la forte caratterizzazione agli estremi del fotogramma, avvertibile se pur in misura ridotta (tanto da abbattere parte della naturale distorsione ottica) anche qua!


Il 20mm AFD resta ottica neutrale e utilissima in tutte le situazioni da street reportage, grazie sopratutto alle ridotte dimensioni ed al trascurabile peso che non lo fanno apparire molto più "appetibile" di un normale... specie per chi si reca in Paesi ... rischiosi, dove da utilizzatore di obiettivi si può diventare direttamente ...obiettivo...!

La eccellente correzione del flare e dei ghosts in controluce é superiore a qualsiasi grandangolare di questa focale mi sia stato dato di provare...


Lo zoom AFS 17-35, beh... si definisce da solo: saturo cromaticamente, ben corredato di antiriflesso, eclettico ed elastico (considerato tutto il range di zoomata), lineare, non distorto, nitido, veloce e silenzioso grazie all'AFS e alla ghiera di fuoco manuale shiftabile anche durante l'AF, ma...

pesante, costoso, appariscente, molto più dell'AFD.


Chi era indeciso, adesso... :post-515-1140593913:


© Max Aquila per Nikonland 2006

 


96 Comments

Foto
Mauro Maratta
lug 11 2007 19:16
Parlando con Watanabe oggi pomeriggio, abbiamo chiacchierato circa i 20 mm Nikon.

Gli ho chiesto un suo parere complessivo.

Mi ha detto che secondo lui il 20/2.8 AIs e il pi? recente AFD sono i migliori sotto tutti i punti di vista.

Il vecchio 3.5 UD ? diverso e si pu? considerare old-fashion, con una particolare resa all'antica.

Il 20/4 AI ha un elevato microcontrasto ma alla prova dei fatti, ingrandendo, il 20/2.8 delle ultime serie sia MF che AF ? il migliore.

Io gli ho riportato la mia delusione riguardo la versione AF, specie ai bordi. Mi ha confermato che anche lui se lo ricorda slavato.

Nikon non ha mai confermato ma evidentemente delle differenze tra la versione AF e quella AF-D ci devono essere ... !
Foto
Max Aquila
lug 11 2007 21:11

Parlando con Watanabe oggi pomeriggio, abbiamo chiacchierato circa i 20 mm Nikon.

Gli ho chiesto un suo parere complessivo.

Mi ha detto che secondo lui il 20/2.8 AIs e il pi? recente AFD sono i migliori sotto tutti i punti di vista.

Il vecchio 3.5 UD ? diverso e si pu? considerare old-fashion, con una particolare resa all'antica.

Il 20/4 AI ha un elevato microcontrasto ma alla prova dei fatti, ingrandendo, il 20/2.8 delle ultime serie sia MF che AF ? il migliore.

Io gli ho riportato la mia delusione riguardo la versione AF, specie ai bordi. Mi ha confermato che anche lui se lo ricorda slavato.

Nikon non ha mai confermato ma evidentemente delle differenze tra la versione AF e quella AF-D ci devono essere ... !

le ho percepite anch'io, passando dal vecchio AF al nuovo AFD: ma ho sempre detto che la minor coerenza complessiva del vecchio AF potesse esser dovuta al fatto che a quell'obiettivo in mio possesso mancava forse soltanto di aver fatto lo shampoo durante una doccia...
Foto
Mauro Maratta
lug 12 2007 07:28
Tornando a bomba, invece, non mi hai ancora convinto che, avendo il 17-35/2.8 AF-S sia opportuno avere ANCHE il 20/2.8 AF-D .... (non parliamo poi del 18/3.5 !)
Foto
Max Aquila
lug 12 2007 13:35

Tornando a bomba, invece, non mi hai ancora convinto che, avendo il 17-35/2.8 AF-S sia opportuno avere ANCHE il 20/2.8 AF-D .... (non parliamo poi del 18/3.5 !)

te la metto cos?:
non fossi legato sentimentalmente ad UNA donna... ed avessi due libertarie fanciulle, una mora e una bionda o due more o due bionde ...o del colore e della forma che ti piacciono di pi?, fermamente convinte a ... starti accanto:
non ? che ti autoimporresti una scelta per forza anche l??
:bigemo_harabe_net-113:
Foto
Max Aquila
lug 12 2007 13:40
un p? pi? seriamente:
uso decisamente tanto sia il 17-35mm sia il 20 secco!

Quando?

Il 17-35 quando non posso stare a pensare poi tanto all'inquadratura, il 20 AFD quando invece ho necessit? di leggerezza e di non apparire a tutti i costi come "il fotografo ufficiale"

Il 18mm f/3.5 ? un obiettivo interessante e non al livello degli altri due, ma comunque incedibile: a meno di offerte pazzesche... :bigemo_harabe_net-03:

Il 15mm f/3.5 appena arrivato mi sta piacendo come pochi altri grandangoli posseduti, per la correzione somma della distorsione e dei flares: inconcepibile guardando le foto di altri con i vari 10-20 e 14mm.

A presto per le dimostrazioni pratiche...
Foto
Mauro Maratta
lug 12 2007 13:49
.... va, parli con uno che, potendo, li comprerebbe tutti ... !
Foto
danighost
gen 25 2008 20:19
Io ho io il 20mm f3.5 AI ormai incollato alla Fe per usarlo nella sua interezza, per avere un a focale corrispondente sulla D50 ho preso il Tokina, ma quella ? un'altra storia.
Foto
danighost
feb 14 2008 00:10
Ora Max mi hai incuriosito, che differenza c'? tra il mio f3.5 e la versione f4?
Foto
Max Aquila
feb 14 2008 01:33

Ora Max mi hai incuriosito, che differenza c'? tra il mio f3.5 e la versione f4?

il tuo f/3.5 deriva dal padellone di cui alla presente scheda, semplificato nelle dimensioni e nel peso, diminuito a 235 dai 390 grammi del progetto originario (sempre in 11 lenti, da cui la sigla UD,ma in 8 gruppi il tuo anzich? 9, come in quello con lente frontale da 72mm)
Fu costruito a partire dal 1979 in montature Ai e Ais (1981)

Il Nikon Nikkor 20mm f/4 invece,
nato nel 1974 come alternativa economica e compatta (210gr) al padellone f/3.5, ? accreditato di uno schema 10/8 con uno schema ottico regolarissimo, nel quale i primi cinque elementi sembrano essere la versione in scala maggiorata degli altri cinqueImmagine Allegata: 20mmoptsml.gif

talmente simmetrico da poter essere tranquillamente invertito su fotocamera e/o soffietto, con risultati a detta di molti, migliori capovolto piuttosto che dritto, gusta l'incredibile potenzialit? del rapporto di ingrandimento di 12:1 se invertito su soffietto...!
Nel 1977 fu commercializzata la versione Ai a partire dal S/N 130001

L'ho tenuto per un piccolo periodo di tempo, durante il quale ho fatto qualche esperimento e ho comunque riscontrata una notevole linearit? di funzionamento e neutralit? cromatica, al contrario del "caldo" padellone, che ho poi finito per conservare...in due esemplari! (uno dei quali modificato Ai :wub: )
Foto
Max Aquila
feb 14 2008 01:35

Tornando a bomba, invece, non mi hai ancora convinto che, avendo il 17-35/2.8 AF-S sia opportuno avere ANCHE il 20/2.8 AF-D .... (non parliamo poi del 18/3.5 !)

E chiss? se Rudolf ci legge...! :post-42-1201873916: :lol: :lol: :lol:
Foto
danighost
feb 14 2008 09:22

il tuo f/3.5 deriva dal padellone di cui alla presente scheda, semplificato nelle dimensioni e nel peso, diminuito a 235 dai 390 grammi del progetto originario (sempre in 11 lenti, da cui la sigla UD,ma in 8 gruppi il tuo anzich? 9, come in quello con lente frontale da 72mm)
Fu costruito a partire dal 1979 in montature Ai e Ais (1981)

Il Nikon Nikkor 20mm f/4 invece,
nato nel 1974 come alternativa economica e compatta (210gr) al padellone f/3.5, ? accreditato di uno schema 10/8 con uno schema ottico regolarissimo, nel quale i primi cinque elementi sembrano essere la versione in scala maggiorata degli altri cinqueImmagine Allegata: 20mmoptsml.gif

talmente simmetrico da poter essere tranquillamente invertito su fotocamera e/o soffietto, con risultati a detta di molti, migliori capovolto piuttosto che dritto, gusta l'incredibile potenzialit? del rapporto di ingrandimento di 12:1 se invertito su soffietto...!
Nel 1977 fu commercializzata la versione Ai a partire dal S/N 130001

L'ho tenuto per un piccolo periodo di tempo, durante il quale ho fatto qualche esperimento e ho comunque riscontrata una notevole linearit? di funzionamento e neutralit? cromatica, al contrario del "caldo" padellone, che ho poi finito per conservare...in due esemplari! (uno dei quali modificato Ai :wub: )



Quindi ? meglio questo da usare invertito rispetto al mio f3.5"slim" :lol: .
Foto
Max Aquila
feb 14 2008 12:26

Quindi ? meglio questo da usare invertito rispetto al mio f3.5"slim" :lol: .

decisamente...

ma tu...provalo ugualmente!
Foto
Max Aquila
ott 25 2008 15:59

Avete cominciato a fare un po' di prove di questo grandangolare a TA su FF?

Io ho rilevato una forte vignettatura e caduta di qualit? e luce ai bordi.

...
Non ? esente nemmeno il 28mm.

...
Molto meglio il 35mm che per? ha uno stop in pi?.


Qualcosetta su questi grandangolari l'abbiamo scritta , proprio nel thread origine di questo in cui scrivi.

Peraltro la caduta di luce ai bordi...meglio misurarla in luce continua (costante) e su di una superficie omogenea ed equiriflettente...invece che su di un muro di pietre e con luce naturale... :P

Certamente pi? vai verso le focali con maggiori angoli di campo, minore planeit? ed omogeneit? nella distribuzione della luce troverai.
Da questo punto di vista ? norma il considerare la perdita di addirittura uno stop tra centro e bordi per focali attorno ai 24 e 20mm sul pieno formato...
salvo vizi di misurazione... :P :lol:
Per? non mi aspettavo un comportamento talmente accentuato. Tanto meno dal 28mm.

Su pellicola ricordo che il grandangolo pi? spinto che avevo era un 24mm Minolta e francamente non mi sembra di aver mai rilevato che a 2.8 il difetto fosse cos? evidente.

Chiaro che questo 20mm su 24x36 digitale diventa difficilmente utilizzabile anche a f/9.
Foto
Max Aquila
ott 25 2008 19:29

Per? non mi aspettavo un comportamento talmente accentuato. Tanto meno dal 28mm.

Su pellicola ricordo che il grandangolo pi? spinto che avevo era un 24mm Minolta e francamente non mi sembra di aver mai rilevato che a 2.8 il difetto fosse cos? evidente.

Chiaro che questo 20mm su 24x36 digitale diventa difficilmente utilizzabile anche a f/9.

se stai parlando del Nikon AF Nikkor 20mm f/2.8D,
ti assicuro che, avendolo per dieci anni usato su pellicola (che ? ancora pi? larga dell'FX... :P ), non ha mai manifestato alcunch? di preoccupante...

Rifai il test in condizioni propizie ed omogenee oppure... con un altro esemplare dello stesso obiettivo...

IDEM per il 28mm che ? uno dei wide pi? corretti ed omogenei mai sfornati non soltanto da Nikon
Comunque il test MTF di Photozone del 20mm AFD, per quello che pu? valere, confermerebbe i miei risultati, almeno a f2.8.

Miniature Allegate

  • Immagine Allegata: vignetting.png
Foto
Mauro Maratta
ott 25 2008 20:46
Per me il 28 e il 20 vanno usati ad F8. Sempre :lol:

Lo sfuocato non ? proprio il pezzo forte di un ventimillimetri ( :rolleyes: )

Per me il 28 e il 20 vanno usati ad F8. Sempre :lol:

Lo sfuocato non ? proprio il pezzo forte di un ventimillimetri ( :rolleyes: )


Ora s?! Codesto ? un discorso che mi convince.

Infatti, sempre su Full Frame (20mm), a f/8 (foto di ieri): :D :D

Immagine inserita

Resta innegabile che il test del "muro" ? poco attendibile come dice rfsp, altrimenti non si spiegherebbe tutta questa differenza ai diaframmi f/8 e f/9.
Foto
Mauro Maratta
ott 25 2008 21:05

[...]

Resta innegabile che il test del "muro" ? poco attendibile come dice rfsp, altrimenti non si spiegherebbe tutta questa differenza ai diaframmi f/8 e f/9.


Il wall-test di Klaus, stroncherebbe anche il 24-70/2.8 a 24 mm e ad F2.8 per una fantomatica mancanza di planarit? che io ancora non sono andato a cercare ... :lol:
Foto
Max Aquila
ott 26 2008 00:27

Il wall-test di Klaus, stroncherebbe anche il 24-70/2.8 a 24 mm e ad F2.8 per una fantomatica mancanza di planarit? che io ancora non sono andato a cercare ... :lol:

pi? che di planeit? come scrivi tu,
per una mancanza di omogeneit? di esposizione in un'obiettivo che, inquadrando sul lato lungo ben 94 gradi di angolo di campo, comunque tu stia di fronte ad un soggetto (in bolla o non in bolla) ti mette nelle condizioni di inquadrare una scena talmente variabile che la disuniformit? di esposizione, lungi dal poter esser considerata un difetto, talvolta ? una manna dal cielo (proprio per aiutare a staccare il soggetto dallo sfondo)

E come ho avuto modo di scrivere pi? volte...io fotografo cose differenti dai filamenti di tungsteno di una lampada (per evidenziare il banding) o dai muri di Klaus... :lol: :rolleyes: :P

anche se a ben cercare...in effetti ogni tanto capita pure a me qualche pezzo di muro... :lol:

Immagine inserita
Foto
danighost
ott 26 2008 08:41
B? fossero questi i pezzi di muro :lol: .
Foto
Alessandro
ott 26 2008 09:08
Era un test che avevo fatto anche io perch?, avendo letto sul web che il 20mm era inutilizzabile sull'FX anche a f11, ero piuttosto curioso di provare il mio sulla D700.

Inutile dire che IMHO sono tutte panzane....

Immagine Allegata: 2774536554_2a085d6523_o.jpg



Immagine Allegata: 2774537248_bfdc3635d6_o.jpg


... specialmente quando si fotografi qualcosa di differente da un muro......

Immagine Allegata: 2901276119_43c7afc265_b.jpg


Immagine Allegata: 2902121322_ff8ca721de_b.jpg



Immagine Allegata: 2887877744_d6cddf77ba_b.jpg



Ciao, Alessandro.

Era un test che avevo fatto anche io perch?, avendo letto sul web che il 20mm era inutilizzabile sull'FX anche a f11, ero piuttosto curioso di provare il mio sulla D700.
Inutile dire che IMHO sono tutte panzane....

...Ma non c'? un plugin di Firefox che ti blocchi quei siti? :lol:
Idiozie del genere sono spam... :rolleyes:

Si parlava di un 20mm AFD a f11 in FF?

Immagine Allegata: 0879r49_jylland_C.jpg

Giusto ieri (oggi piove).
a_
Foto
Alessandro
ott 26 2008 09:26

...Ma non c'? un plugin di Firefox che ti blocchi quei siti? :lol:
Idiozie del genere sono spam... :rolleyes:

Si parlava di un 20mm AFD a f11 in FF?
Giusto ieri (oggi piove).
a_

:lol: Io uso Safari :lol:

;)

Si, il 20ino su FX ? veramente un divertimento da usare!!!

Immagine Allegata: 2771497173_21c82dae5d_b.jpg


E a ISO6400 e f2,8 si pu? perfino sfuocare :lol:

Immagine Allegata: 2746412762_d35709e0b8_b.jpg


Ciao, Ale.
Foto
danighost
ott 26 2008 09:30
Su pellicola il 20mmf3.5 AI non vignetta, a seconda della luce, lo uso o a f8, o a f11 (pellicola da 100 ISO). Sulla D700, b? datemi tempo :lol: , o se qualcuno me la impresta :wub: .
SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi