Light Style© by Fisana

Vai al contenuto


Benvenuti su Nikonland Questo sito è indipendente, è autofinanziato, non promuove e non raccoglie pubblicità. Non è collegato con Nikon, Nital o le loro sussidiarie

Nikonland non è una rivista periodica e non è quindi sottoposta alla normativa vigente 

 

SlowPrint
- - - - -

Lente close up Marumi DHG Macro 330 test

macro lenti addizionali

Non è un segreto che io sia un sostenitore delle lenti addizionali di qualità come accessorio per la macro. Per cui ho accettato volentieri di provare la Marumi DHG Achromat Macro - 330, una lente addizionale di qualità da 3 diottrie. Ecco le mie impressioni d'uso.
Avviso: questo è un articolo completamente BUG FREE, niente Artropodi od altre creature, in omaggio al proprietario della lente.
Non è un segreto che io sia un sostenitore delle lenti addizionali come accessorio per la macrofotografia. Qualcuno potrebbe storcere il naso ma, secondo me, se una lente addizionale è di buona qualità e viene usata nel modo giusto, permette di ottenere risultati più che soddisfacenti o anche molto buoni.

Per questo quando Mauro mi ha chiesto se avessi voglia di testare la lente addizionale Marumi DHG Achromat Macro - 330 ho accettato con piacere.
 
 
La Marumi DHG Achromat Macro - 330 è ben costruita, ha un aspetto robusto, ottime finiture e ha i requisiti per essere una lente addizionale di qualità, in quanto acromatica, ossia costituita da due elementi, quindi molto più corretta delle lenti addizionali ad un solo elemento riguardo la maggior parte delle aberrazioni. Le lenti acromatiche Canon 500D e Nikon 3T-4T e 5T-6T ad esempio godono di ottima e meritata fama.
 

Immagine Allegata: marumi.jpg

 

La Marumi 330 ha un passo filtri da 62mm ed una potenza di 3 diottrie,

quindi è identica come specifiche  alla Nikon 6T.

 

 
Come si usano le lenti addizionali e che vantaggi e svantaggi hanno l'ho descritto in vari articoli dedicati alla macro qui su Nikonland, per cui mi limito a riassumere brevemente:
 
Le lenti addizionali agiscono riducendo la lunghezza focale effettiva dell'obiettivo su cui vengono montate, tanto di più quanto più sono potenti. La lunghezza focale della combinazione lente + obiettivo è pari a: 1000/(1000/focale)+diottrie nel caso della Marumi +330 se la montiamo su un obiettivo da 105mm abbiamo 1000/(1000:105)+3=80, ossia 80mm effettivi. Su un 200mm avremo 125mm. Dato che maggiore è la variazione di focale indotta dalla lente maggiore è l'ingrandimento ottenibile, le lenti risultano più efficaci su obiettivi di una certa lunghezza focale. Bisogna però tenere presente che sui tele le lenti addizionali inducono aberrazioni maggiori, a meno che non si tratti di lenti acromatiche che di 
 
solito sono ottimizzate proprio per focali tra i 100 e i 200 (Nikon 5T 6T) o 300 (Canon 500D) mm. 
Inoltre più una lente è potente, minore sarà la qualità finale dell'immagine. Quindi anche se esistono lenti addizionali da 10 diottrie, sconsiglio di usarle se non in casi di estrema necessità e con focali corte.
 
 

L'ingrandimento ottenibile con una lente addizionale dipende da: Lunghezza focale dell'obiettivo/lunghezza focale della lente. Una lente da 3 diottrie come la Marumi ha una lunghezza focale di 1000/3=333mm per cui l'ingrandimento che si può ottenere su un 105mm è 105/333=0,31 ossia circa 1:3. questo valore è riferito all'obiettivo focheggiato all'infinito; focheggiando a distanze minori si possono ottenere ingrandimenti più spinti, nel caso del  105mm  AFS VR Micro si ha il seguente range di ingrandimenti: da 1:3.2 (focheggiato ad infinito) a 1.4:1 (alla minima distanza, ossia circa una volta e mezza le dimensioni reali).
 

Immagine Allegata: _pesce.jpg

 

Un pesce fossile, anzi uno e mezzo.

 

 

Immagine Allegata: pescelente.jpg

 

In alto l'ingrandimento ottenibile con la Marumi e il Micro Nikkor 105 mm AFS VR focheggiato ad infinito

In basso stesso kit, ma alla minima distanza di messa a fuoco.

 

 

 

Con l'obiettivo focheggiato ad infinito la distanza massima di lavoro (fra la lente addizionale ed il soggetto) è pari alla lunghezza focale della lente ossia per la Marumi circa 33cm.
 
Come per i tubi di prolunga, con le elnti addizionali si perde quindi la messa a fuoco all'infinito, ma a differenza dei tubi non si hanno significative perdite di luminosità. Il vantaggio delle lenti rispetto ai tubi di prolunga è la facilità di montaggio (si avvitano anteriormente come dei filtri) e lo scarso ingombro; lo svantaggio è una certa perdita di nitidezza soprattutto ai bordi e di qualità generale dell'immagine.
 




Test: Yes



6 Comments

Grazie Silvio, come sempre esauriente nelle spiegazioni..    

 

( ma tanto la mia nikon non te la do..)

Foto
Silvio Renesto
dic 23 2014 13:52

( ma tanto la mia nikon non te la do..)

 

Immagine Allegata: nunch1ku.gif

Foto
Mauro Maratta
dic 23 2014 13:59

Ho comprato questa lente più che altro per utilizzarla insieme alla V3 con il 105/2.8 VR, il 60/2.8G ed eventualmente il 70-300 VR Nikkor 1, preferendo con la D810 utilizzare i tubi di prolunga (anche con il 2/135mm Zeiss).

 

La V3 ha una risoluzione relativa esagerata (eqv. a 131mpx in 24x36mm) ed il crop estremo al centro credo possa far giustizia di molti difetti indotti dalla lente.

 

Il tutto per lavori particolari o per trasformare un obiettivo che può prendere la luna, in un macro spinto.

 

Giusto per giocare. Ma mi riprometto di mettere qualche esempio più avanti.

 

Per intanto grazie a Silvio della bella e circostanziata lettura.

 

Silvio, mi pare abbia omesso solo un dettaglio : questa Marumi che è pur sempre fatta in Giappone con vetro ottico di qualità e non in Cina da qualche artigiano tornitore, costa un terzo/quarto di una introvabile Nikon 6T usata ed ha il pregio di essere costruita per tutti i passi filtri da 52 a 77 mm ;)

Foto
Silvio Renesto
dic 23 2014 14:04

 questa Marumi che è pur sempre fatta in Giappone con vetro ottico di qualità e non in Cina da qualche artigiano tornitore, costa un terzo/quarto di una introvabile Nikon 6T usata ed ha il pregio di essere costruita per tutti i passi filtri da 52 a 77 mm ;)

 

Giusta osservazione, è un aspetto da tenere in considerazione. Considero i prezzi delle lenti addizionali Nikon fuori da ogni logica.  Le Canon 500D sono care, ma molto meno delle Nikon.

:)

Molto interessante... :) 

 

Credo che dopo le feste ne cercheró una per il 70200/4VR.

Non ho piú un obbiettivo macro dedicato, ed un accessorio piccolo e poco ingombrante potrebbe bastarmi praticamente sempre.

 

Grazie!

a_

ma allora.. ho fatto uno strabene... lo sentivo a naso.. che la 5T che ho trovato costava poco.. e quando è arrivata, mi sono tolto ogni dubbio.. non aveva difetti, il 70-300 è arrivato pure lui, aspetto a ore il supporto del cavalletto in maniera di poter vedere stà roba.. assemblata cosa tira fuori..

 

questo è stato il classico esempio di acquisto, prima la sella e poi il cavallo..

SlowPrint

0 user(s) are online (in the past 15 minutes)

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi