Light Style© by Fisana

Vai al contenuto






Foto
- - - - -

[reportage] ICONS

Inviato da Max Aquila , 27 ottobre 2016 · 1773 visualizzazioni

steve mccurry icona national geographic sharbat gula

Icona e' parola che viene dal greco eikon ( εικών ) e identifica dall'antichita' fino ai nostri giorni un'immagine.
Ma non una immagine qualsiasi bensi', come per i cristiani ortodossi, Immagine Allegata
un'immagine da mettere in mostra, da cui ricavare una risposta a mille domande, a milioni di perche',
un'immagine quindi PARLANTE. Immagine Allegata
 
Gli ortodossi nelle loro chiese adorano le icone Immagine Allegata
 
Noi occidentali, anche fuori dalle chiese... Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata


Immagine Allegata

 
Ho visitato la mostra ... iconografica di Steve McCurry presentata alla Galleria d' Arte Moderna di Palermo Immagine Allegata
giustamente intitolata Icons Immagine Allegata  Immagine Allegata
 
nella quale cento stampe di formato A2, di un periodo vasto tra l'inizio degli anni Ottanta fino a pochi anni fa, quindi con un criterio misto tra produzione da diapositiva e produzione e postproduzione digitale, (con evidenti segni dati dalla digitalizzazione nelle stampe delle foto piu' datate)
si alternano dalle pareti delle sale, Immagine Allegata  Immagine Allegata
invariabilmente portando il visitatore ad accentrare la sua attenzione sull'elemento che a mio avviso distingue nettamente l'opera di Steve McCurry da quella dei normali o aspiranti reporter:
il rapporto diretto che l'autore instaura con il soggetto, il quale e' perfettamente consapevole del ruolo che si e' appena costituito.
Un rapporto che dopo lo scatto lega indissolubilmente e con lo stesso (o forse ancora maggiore) magnetismo, la Stampa della foto col suo Osservatore, anche a grande distanza di tempo e nonostante il mutare della situazione.
Unita' aristotelica di Tempo, Luogo ed Azione che si trasmettono in maniera inalterata anche dopo piu' di trent'anni dallo scatto nel suo ritratto piu' famoso
 

Immagine Allegata

quello di Sharbat Gula, ragazzina afghana,

 
che col suo sguardo ti insegue dovunque tu ti trovi rispetto a Tempo, Luogo ed Azione  
Immagine Allegata .
 
Non saro' certo io ad alimentare il mito di questa foto, ma aggiungo un tassello di reiterazione che tanto assomiglia alla tradizione orale omerica, delle gesta degli Eroi.
 
Che non e' piu' nemmeno il fotografo che l'ha scattata, il mito non puo' circoscriversi ad un semplice mortale, ma ingigantisce il personaggio fino a renderlo superiore anche a chi lo abbia (anche se inconsapevolmente) creato.
Tanto da indurre, per meri scopi utilitaristici, la stessa rivista del National Geographic a suo tempo committente del servizio sui morti e vivi di quel Paese, a commissionare 17 anni dopo lo scatto a McCurry la ricerca dell'Eroe e lo scatto successivo a testimoniare il degrado della Vita 
Immagine Allegata
che solo l'immortalita' alla... specchio di Dorian Gray della Fotografia, puo' garantire inalterato nel tempo.
 
Dal Mito di Sharbat in poi per McCurry inizia l'incubo di ripetere il Gesto, 
devo dire con prestazioni esimie, come quelle che ben conosciamo come sue ICONE 
 

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

 
nelle quali, sempre, appare il livello di estrema interazione tra soggetto e fotografo, il grido di una richiesta di attenzione e la Risposta che il suo obiettivo riesce a dare alla Domanda,
altrimenti inascoltata di quelle persone. Immagine Allegata
 
Immagine Allegata
I visitatori girano tra i corridoi e si immedesimano nelle scene ritratte, si sente... Immagine Allegata
sia che si tratti delle opere piu' ...vicine a questo concetto di icone Immagine Allegata
 
sia che si tratti dei suoi reportage piu' consueti, traccia dei quali abbiamo indelebile nella nostra mente Immagine Allegata
 

 Immagine Allegata Immagine Allegata

 
ed ancora nella scoperta (o riscoperta) di luoghi ...diversamente famosi Immagine Allegata
Immagine Allegata
 
o per sempre preclusi alla conoscenza della maggior parte di noi Immagine Allegata
Immagine Allegata
 
piu' facilmente e in maniera indelebile, prendendo atto di una maniera di leggere la vita altrui che risenta sempre della necessita' di perpetuare quel gesto, quel momento, quel movimento che solo li', allora e non oltre ha riempito la tendina del suo otturatore e serva a lasciare una traccia nell'hard disk della nostra esistenza: qui ed ora.

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata

 

Immagine Allegata Immagine Allegata

 
In una corsa che ci porta davvero lontano Immagine Allegata

 

piu' di quanto ci sia lecito sperare.

 
Max Aquila © per Nikonland 2016
 






Foto
Marco Pagani
ott 27 2016 16:26

Grazie,

leggere il tuo articolo e vedere le foto è stato un po' come visitare la mostra.

Riguardo Sharbat Bibi, un paio d'anni fa cercai un po' di notizie su di lei, essendomi imbarcato in un tentativo di disegno copiando uno degli scatti che Mc Curry le fece da bambina. Non questo ma quello con le mani davanti al viso.

Ha avuto una vita molto difficile, che noi occidentali non possiamo forse nemmeno immaginare, e la sua storia traspare nel suo sguardo da adulta Così come la paura si legge nelle sue foto da bambina (in quel tempo e in quel luogo non era normale essere fotografati). Mi fece molto riflettere il fatto che fra quella prima serie di scatti famosissimi e gli scatti fatti 17 anni dopo nessuno l'abbia mai più fotografata... eppure la sua foto qui sopra potrebbe tranquillamente essere l'icona di un secolo, e di conseguenza il suo volto uno dei più noti.

Delle altre foto mi commuove quella del sarto se ricordo bene indiano, dall'aria felice perché sta salvando da una alluvione il suo bene più prezioso.

Sicuramente sono tutte foto che raccontano storie ricchissime, e questo insieme al valore estetico le rende delle opere uniche. 

Che voglia di vederle! Ma quanto costa un biglietto per Palermo? :-)

Ciao Marco

Foto
Max Aquila
ott 27 2016 17:54

Grazie,

leggere il tuo articolo e vedere le foto è stato un po' come visitare la mostra.

Riguardo Sharbat Bibi, un paio d'anni fa cercai un po' di notizie su di lei, essendomi imbarcato in un tentativo di disegno copiando uno degli scatti che Mc Curry le fece da bambina. Non questo ma quello con le mani davanti al viso.

Ha avuto una vita molto difficile, che noi occidentali non possiamo forse nemmeno immaginare, e la sua storia traspare nel suo sguardo da adulta Così come la paura si legge nelle sue foto da bambina (in quel tempo e in quel luogo non era normale essere fotografati). Mi fece molto riflettere il fatto che fra quella prima serie di scatti famosissimi e gli scatti fatti 17 anni dopo nessuno l'abbia mai più fotografata... eppure la sua foto qui sopra potrebbe tranquillamente essere l'icona di un secolo, e di conseguenza il suo volto uno dei più noti.

...

Sicuramente sono tutte foto che raccontano storie ricchissime, e questo insieme al valore estetico le rende delle opere uniche. 

Che voglia di vederle! Ma quanto costa un biglietto per Palermo? :-)

Ciao Marco

Un biglietto per Palermo da Milano o Bergamo costa anche solo 60 euro...ma una volta qui non ti basterebbe visitare la mostra di McCurry.

 

Sharbat non fu piu' fotografata perche' e' una profuga della prima guerra dell'Afghanistan (quella dei russi contro Rambo III) e ha continuato a scappare fino ad approdare in Pakistan dove il National Geo la ritrovo' e la fece rifotografare a McCurry, producendosi a mio avviso in una impietosa operazione commerciale, mascherata da beneficienza, in quanto ovviamente le diedero del denaro per farla stare meglio di quanto da quelle foto versione 2.0 non trasparisse.

 

E cercarono di spiegarle quanto famosa fosse diventata da 17 anni ad allora...senza che lei, ovviamente, lo comprendesse, avulsa come era una persona del suo genere rispetto alla occidentale cultura delle ICONE.

 

E' notizia di questi giorni del suo arresto a causa di un documento che attestava falsamente la sua origine pakistana: come e' universalmente noto Lei E' LA RAGAZZINA AFGHANA della foto di McCurry.

 

Pensa che sfacelo quest'opera del Nat Geo...

 

Ancora piu' pericolosa per Sharbat oggi in quel paese che e' il Pakistan, parzialmente in mano all' Isis e ad altre congreghe di radicali ed integralisti ai quali scoprire che lei sia un ICONA occidentale potrebbe solo dare il sadico piacere della tortura e della sua distruzione fisica.

 

Dove mettiamo mano ...facciamo danno.

 

Le conseguenze delle foto e delle riprese a Tienanmen non hanno insegnato molto...

 

Purtroppo alcune volte la salvaguardia dei diritti o la denuncia delle atrocita' si ripercuotono sui soggetti piu' deboli...

Foto
Leonardo Visentėn
ott 27 2016 20:11
Per me Max questo racconto sarà il racconto del mese, racconto di quanto bisognerebbe lasciare che il mondo guidi l'uomo, e non viceversa, visti gli esiti di pur lodevoli tentativi di creare del bene, seppure indotto, o dedotto.
Varrebbe davvero un giro a Palermo.
Foto
Giannantonio
ott 28 2016 21:35
Ho letto avidamente, grazie Max.

Grazie Max, ottimo resoconto, certo il trovarsi davanti alle stampe A2 immagino sia un'altra cosa!

ciao

Commenti recenti

Categorie

Ultimi Visitatori

  • Foto
    Ossiani
    14 nov 2017 - 14:47
  • Foto
    Pedrito
    23 ago 2017 - 15:11
  • Foto
    Leonardo Visentėn
    23 ago 2017 - 10:30
  • Foto
    marioz
    02 ago 2017 - 22:49
  • Foto
    gianni
    31 lug 2017 - 15:16