Light Style© by Fisana

Vai al contenuto






Foto
* * * - - 1 votes

[reportage] Passeggiate a Pietrogrado

Inviato da Max Aquila , 28 settembre 2016 · 1121 visualizzazioni

[reportage] Passeggiate a Pietrogrado

Russia e' un concetto piu' che una nazione: solo a guardare una carta geografica viene da pensare che una vita non possa bastare a poterla considerare anche soltanto in parte.
Viene da sorridere quindi all'idea di un viaggio di sei giorni nel quale visitare non soltanto San Pietroburgo, ma anche Mosca, pero' il sorriso lascia subito spazio allo stupore.
 Immagine Allegata
Петроград, Pietrogrado, San Pietroburgo, Leningrado, Piter, tutti sinonimi dell'idea di uno zar Visionario, Pietro il Grande, il quale decise all'inizio del 1700 di porre le fondamenta di quella che sarebbe diventata la metropoli attuale piu' settentrionale del mondo, che conta quasi cinque milioni di abitanti, sparsi su un territorio impossibile ed ingrato: la foce della Neva, fiume dal breve corso, emissario del piu' grande lago d'Europa.
Un'impresa incredibile se per giunta attuata per farla diventare capitale dell' Impero russo, edificando palazzi, chiese e monumenti degni per la realizzazione di questo scopo, portato a termine affidando incarico a raffinati architetti italiani e ticinesi i quali, dall'originario impianto difensivo formato dalle prime fortezze, si dedicarono a stendere i ponti e le palafitte necessarii a sostenere questa Amsterdam del Nord, che Pietro volle replicare.
 Immagine Allegata
La Neva e' imponente e impetuosa come i palazzi che la contornano ed un giro in battello sul fiume e attraverso i canali che attraversano il centro e' fondamentale anche per comprendere meglio la sua topografia principale
Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata
nelle giornate di piena determinati canali non sono navigabili...perche' non si potrebbe passare sotto i pontiImmagine Allegata
 
 
Immagine Allegata
Immagine Allegata le colonne rostrate, costruite come fari, simbolo del potere navale russo,
a Capodanno vengono sormontate da una fiamma di sette metri
Immagine Allegata
si sente anche qui ...Profumo di banche italiane ;) Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata Immagine Allegata
da questa sponda la gente si sporge per guardare il piu'... piccolo monumento della citta' (e per lanciargli monetine...)
il canarino di una famosa canzoncina da bambini Immagine Allegata
 
i monumenti equestri (dell'architetto Quarenghi, lombardo) di Piazza Sant'Isacco, sono copia dei Dioscuri intenti a domare cavalli selvaggi che abbiamo al Quirinale e vantano una storia curiosa, secondo la quale Pietro il Grande regalo' in tre occasioni una delle due coppie di gemelli a potenti di altri paesei, ordinando a Quarenghi di realizzarli nuovamente: la quarta volta Quarenghi glieli fece differenti....ad vitandum
Immagine Allegata Immagine Allegata
 

Immagine Allegata

Il Palazzo d'Inverno, simbolo allo stesso tempo dell'opulenza zarista e dell'oppressione che sfocio' nelle rivoluzioni che di San Pietroburgo/Leningrado fecero simbolo, si trova in adiacenza al Museo dell'Ermitage, il piu' grande del mondo, nato per volere dell'ironica Caterina la grande, che qui voleva erigere romitaggio dalla corte di Mosca.
La sua visita e' d'obbligo, pur se condizionata dalla infinita transumanza di turisti di tutto il mondo che lo attraversano ogni giorno.
 Immagine Allegata (atrio e scala)
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata (Ammiraglio Potemkin, favorito di Caterina)
Immagine Allegata (la Rotonda che mette in comunicazione le stanze private del Palazzo)
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata
Spazi enormi Immagine Allegata Immagine Allegata ...affollatissimi
e capolavori a pioggia, sparsi in giro e avvicinabilissimi...Immagine Allegata da Rembrandt (con signora e compatta)
a Tiziano Immagine Allegata
Leonardo da Vinci Immagine Allegata Immagine Allegata
(mi chiedo con i cellulari e le compatte che risultati sortiscano le migliaia di persone che si accalcano a scattare in diagonale, dal basso verso l'alto e viceversa)
Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata
 Il Museo contiene collezioni infinite (svariati milioni di pezzi) di opere d'arte assolute.
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata Immagine Allegata
che si inseguono in una danza sfrenata...
 

Immagine Allegata

 
 

 Immagine Allegata

La Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato e' uno dei simboli piu' conosciuti di questa citta' , ben visibile gia' dalla Nevskij Prospekt e dall'adiacente canale Gribaedova. Eretta dopo l'assassinio del 1881 di Alessandro II appunto sul luogo dell'attentato: il suo interno non e' a mio parere interessante come l'architettura moscovita delle sue cupole, piu' volte oggetto di contestazione artistica in questa citta' che da Mosca tiene ancora oggi a tenere le distanze che le dividono.
 Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata Immagine Allegata
(I fili elettrici non aiutano nella composizione)
 
Immagine Allegata spose dappertutto, nonostante i novelli mariti...
 

Immagine Allegata

 
La Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, costruita nel barocco tipico olandese dall'architetto Trezzini, esternamente presenta una guglia di 39 metri acuminata, con al suo vertice una sfera sormontata da un angelo che tiene in mano una croce.
Al suo interno, oltre ad un iconostasi particolarmente ricca di decori ed icone, dal 1998 sono stati trasferite le salme di tutti i Romanov uccisi durante la Rivoluzione, oltre ai sepolcri degli altri zar da Pietro il Grande in poi
Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata Immagine Allegata
 
Ormeggiato vicino la Fortezza dei Santi Pietro e Paolo, l'incrociatore Aurora, dai cui cannoni parti' la salva che dava il segnale d'inizio della Rivoluzione d'Ottobre
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
 

 Immagine Allegata

Infine una visita alla magnificiente residenza estiva di Caterina a Pushkin, 25km dalla citta', quasi completamente distrutta durante l'assedio della seconda guerra mondiale ed oggi restaurata quasi totalmente.Immagine Allegata
 
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata un barometro
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata stufe in maiolica ad ogni stanza
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
 
Giardino Privato e laghi, fontane e cascate, tutto in similitudine di Caserta e Versailles con cui queste residenze rivaleggiano
 
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
 
Altra residenza, la Reggia di Peterhof,  altrettanta eleganza e stupore nell'ingegneria da giardino, con fontane e padiglioni indimenticabili
 

Immagine Allegata

Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
 
Immagine Allegata sposa e sfondo sulla...
 
Immagine Allegata Fontana del Nettuno
 
Immagine Allegata Immagine Allegata
 
Immagine Allegata Immagine Allegata
Immagine Allegata statue di ninfe
e della Musa principale, Immagine Allegata Pietro I, colui che volle, sempre vole,
fortissimamente volle...
 
 

Immagine Allegata

 
Una citta' infinitamente bella e impossibile da visitare se non...Immagine Allegata
Immagine Allegata
Immagine Allegata Immagine Allegata
 
Immagine Allegata
passeggiandovi
Immagine Allegata
 
 
 
 
Max Aquila photo © per Nikonland 2016
 
 
 
 
 
 
 






Foto
Max Aquila
set 28 2016 02:24

Foto scattate tra il 13 ed il 15 settembre con Nikon V3 e 6,7-13mm 18,5mm e 30-100mm

Segue capitolo su Mosca, in breve...

Viaggio lampo organizzato (gruppo con guida). Un piccolissimo assaggio delle possibilita' che Pietrogrado offre, anzi pretende che se ne disponga.

 

Torneremo...

Foto
Valerio Brùstia
set 28 2016 11:41

Ah Max tutta la Russia sarebbe da visitare a TAPPETO, lo capissero sti babbazzi e rendessero il loro paese un po' più friendly...

 

Una nota a tutti i lettori. Dopo che vi siete soffermati ad apprezzare i tagli che Max ha scelto per raccontarci la monumentale opulenza di Pietroburgo, dopo che vi siete intrattenuti a fare considerazioni sulle belle sposine che il nostro Max ha incontrato sul suo cammino, sappiate che tra venti anni quelle due fanciulle saranno tal quali alla sciura dell'ultimo scatto del nostro Max che , senza che la signora in oggetto si debba sentire offesa, di certo non pare discendere direttamente da simili virgulti. Quindi, scapoli e fidanzati in crisi, a S.Pietroburgo si va a vedere le residenze degli Zar. Per tutto il resto ... mi hanno detto che Mastercard aiuta

 

Grazie Max bel giro

Valerio ha già detto, altro non è possibile aggiungere.. 

 

beh..  vedo che la piccolina si è, diciamo.. difesa...  ( V3+ vetri )

Commenti recenti

Categorie

Ultimi Visitatori

  • Foto
    Ossiani
    14 nov 2017 - 14:47
  • Foto
    Pedrito
    23 ago 2017 - 15:11
  • Foto
    Leonardo Visentìn
    23 ago 2017 - 10:30
  • Foto
    marioz
    02 ago 2017 - 22:49
  • Foto
    gianni
    31 lug 2017 - 15:16