Light Style© by Fisana

Vai al contenuto






Foto
- - - - -

[reportage] Una gita inaspettata

Inviato da nikolas , 09 settembre 2016 · 1345 visualizzazioni

D750 Dolomiti Colbricon Lago Calaita

Una cosa decisa all’ultimo momento, senza alcuna pianificazione. Dicono che sia la cosa migliore, ma non sempre è così: bisogna anche essere fortunati, col tempo ad esempio.
 
Un paio di conoscenti mi coinvolgono in un “mordi e fuggi” entro il quale cerco di ricavarmi  un angolo di veduta “personale". Il tempo non è molto e chi fotografa sa che in genere questo è un argomento decisivo per ottenere risultati soddisfacenti.  
 
Fotografare in montagna le montagne poi non è per niente  facile, almeno per me. Si rischiano le solite immagini viste e riviste, magari bei colori si, ma visuali note agli appassionati che le frequentano. Quando poi il posto è nei dintorni di San Martino beh…. qui tra i "nostri" abbiamo uno che ci vive quasi per metà dell’anno e lo conosce come le sue tasche, non solo orograficamente, ma, soprattutto, per le uniche condizioni di luce catturabili all’alba o al tramonto, cosa in questo caso per me esclusa.
 
Per cui mi caccio deliberatamente in difficoltà, sperando di cavarmela dal punto di vista fotografico, aggiungendo forse qualcosa a chi si fermerà incuriosito.
 
Quello che segue è un breve diario  dei due percorsi:
 
  - il primo dal passo Rolle verso i laghetti di Cobricon
  - il secondo verso malga Crel (dove si mangia decorosamente spendendo poco)  proseguendo verso il lago di Calaita.
  
 
Di buon mattino (saranno state le 11…) si arriva sul posto. C’è un sacco di gente (ovvio): caravan, motociclisti, allegre famigliole vocianti. Basta però scegliere un percorso un po’ in salita e spariscono in fretta;  e per  fortuna la maggioranza si dirige dal lato opposto, verso baita Segantini. Si cammina e si suda, il sole picchia ma ne vale la pena:
 
il panorama è subito appagante:
 
1
Immagine Allegata
 
2
Immagine Allegata
 
3
Immagine Allegata
 
e dopo aver aggirato il monte con una breve salita si apre la veduta sui laghetti
 
4
Immagine Allegata
 
in riva ai quali c’è parecchia gente (arrivata più comodamente dalla parte opposta). Ci sediamo per magiare un panino. I ragazzini sono allegri ma non chiassosi e si godono l’ambiente:
 
5
Immagine Allegata
 
6
Immagine Allegata
 
Il giorno dopo il tempo peggiora ma non si rinuncia; verso malga Crel:
 
7
Immagine Allegata
 
arriviamo e non c’è nessuno. Solo alcuni ragazzi che giocano con gli animali
 
8
Immagine Allegata
 
e si prendono cura di un agnellino nato un giorno prima abbandonato dalla madre che ha dovuto scegliere quale dei due gemelli sfamare. Direi che è stato fortunato…
 
9
Immagine Allegata
 
anche se qualcuno cerca di intrufolarsi: quando si tratta di mangiare, si sa, tutti sono sensibili all’argomento..
 
10
Immagine Allegata
 
si prosegue verso il lago di Calaita che appare dopo poco più di un’ora:
 
11
Immagine Allegata
 
raggiunto il quale ci si concede una breve sosta e si ritorna:
 
12
Immagine Allegata
 
Il rientro è all’insegna del silenzio,  merce preziosa.  Il tempo è volato ma almeno torno con una sensazione di serenità e calma che, viste le premesse, non pensavo di poter cogliere.  
 
 






Luoghi incantevoli, belle le inquadrature e i colori.

Nuccio

Bella gita e bel reportage, il lago di Calaita non è molto conosciuto, ma è molto bello, con lo sfondo delle Pale di San Martino poi... ;-) 

Le montagne fuori porta dei veneti, sempre in grado di donare spendide immagini.

Grazie dei passaggi.  Si, siamo più ben messi con la montagna che col mare.  

Foto
Silvio Renesto
set 10 2016 08:54

Paesaggi da sogno e immagini sentite, bel reportage.

Articoli Recenti

Commenti recenti

Categorie

Ultimi Visitatori

  • Foto
    Leonardo Visentìn
    23 ago 2017 - 09:20
  • Foto
    gianni
    09 nov 2016 - 19:43
  • Foto
    Claudio
    06 nov 2016 - 23:02
  • Foto
    Alberto Coppola
    04 ott 2016 - 07:52
  • Foto
    Massimo Vignoli
    03 ott 2016 - 21:30