Light Style© by Fisana

Vai al contenuto






Foto
- - - - -

[grandi fotografi] Saul Leiter : perchè mi piace ?

Inviato da Leonardo Visentìn , 06 febbraio 2017 · 368 visualizzazioni

Perchè mi piace? Perchè ha una visione molto nuova (teniamo conto che scattava negli anni 50 agli esordi, e secondo me la sua visione è nuova ancor oggi), una ricerca non della frenesia o della "ansia urbana" tipica di autori suoi contemporanei come Robert Frank (celebre il suo "Americans") o William Klein. Invece Saul coglie momenti "intimi" di street newyorkese
 
Immagine inserita
(immagine simbolo di Leiter)
 
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 
in situazioni non convenzionali.
 
L'uso del colore per quell'epoca è sensazionale, mai urlati, mai fuori da una "tenuità" che contrastava col bianconero tipico.
 
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 
 
 
Anche i suoi bianconeri erano molto "intimi", molto ben composti (anche se non sempre secondo le classiche regole)
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 
Immagine inserita
 

 

Immagine inserita
 
 
Una sua passione era anche il ritratto di nudo femminile, 

 

 

 

Immagine inserita Immagine inserita
Immagine inserita
Immagine inserita Immagine inserita
Immagine inserita  Immagine inserita
 
Saul oltre che fotografo era anche pittore, cosa che (non) si vede nei suoi lavori (dico "non" perchè i suoi lavori erano del tipo 
 
Immagine inserita  Immagine inserita  Immagine inserita
 
, tra parentesi perché l'impostazione "pittorica" appare
 
Immagine inserita  Immagine inserita
Immagine inserita  Immagine inserita
). La sua "ispirazione" nella pittura era Pierre Bonnard e l'Espressionismo astratto.
 
Si nota spesso l'uso "astratto" del colore, della forma, il suo maggior pregio e spicco nel panorama americano-newyorchese, e la sua passione per le pellicole scadute da tempo, da cui uscivano dei colori che trovava interessanti e con cui sperimentò molto.
 
 
 
 
Quote

"Ho iniziato come fotografo di moda. Non posso dire di ersere diventato famoso, ma c'era abbastanza lavoro per tenermi impegnato. Ho collaborato con Harper's Bazaar e altre riviste. Ho lavorato e mi sono guadagnato da vivere. Nel contempo, ho scattato le mie fotografie." (Saul Leiter)
 

 
 
Quote

"Ho passato gran parte della mia vita sconosciuto. Sono sempre stato molto felice così. Essere ignorati è un gran privilegio. Così penso ho imparato quello che gli altri non vedono e a reagire alle situazioni in modo diverso. Ho guardato semplicemente il mondo, non preparato veramente a nulla." (Saul Leiter)
 

 
Quote

"Devo ammettere che non sono membro della scuola del brutto. Ho grande riguardo per certe nozioni di bellezza, anche se a molti sembra una cosa antica. Certi fotografi pensano che scattando certe fotografie delle miserie umane, si facciano carico di portare in luce un problema serio. Io non credo che la miseria sia più profonda della felicità" (Saul Leiter)
 
 

 
Quote

"Per costruirsi una carriera ed avere successo, ua persona deve essere determinata. Deve essere ambiziosa. Io preferisco di gran lunga bere caffè, ascoltare della buona musica e dipingere quando ne ho voglia" (Saul Leiter)
 

 
Immagine inserita






Un manifesto di anticonformismo che è ancora più apprezzabile nel fracasso quotidiano. Si definisce fotografo, ma il fatto che amasse la pittura si riflette anche nel suo stile.  Credo cioè che quei  “fotografi” che sono prima di tutto artisti,  si distinguano nettamente dagli altri perché conferiscono alle loro foto non solo un’impronta inimitabile ma una capacità di “vedere” dove altri non arrivano, anche magari  facendo magari ottime foto.

 

Straordinaria la sua terza frase che hai quotato.

Foto
Max Aquila
mar 04 2017 00:23

a me piace l'ultima frase...

 

se a qualcuno non dispiacesse vorrei che se ne ricordasse come mio epitaffio: sostituendo tea e fotografia a caffe' e pittura, beninteso.

 

Ottimo spunto Leiter per tutti coloro che pensano lo street essere un genere.

E non un'ispirazione di momentanea gioia.

 

Roba di cui ci si accorge un attimo prima di sollevare l'obiettivo: non ricercata.

Proprio come i suoi ritratti.

 

D'altro canto se dipingi quando ne hai voglia, figurati quando vorrai fotografare :-)

Un fotografo davvero interessante che interpreta in modo assai personale generi diversi, certamente grazie anche alla sua cultura pittorica e dell'immagine in generale.

 

Bravo Leonardo per averlo presentato e raccontato. ;)

Commenti recenti

Ultimi Visitatori

  • Foto
    martins
    27 mar 2017 - 20:31
  • Foto
    Mauro Maratta
    17 mar 2017 - 14:50
  • Foto
    RikyM
    17 mar 2017 - 10:55
  • Foto
    Fab Cortesi
    15 mar 2017 - 12:35
  • Foto
    happygiraffe
    13 mar 2017 - 09:51