Light Style© by Fisana

Vai al contenuto






Foto
- - - - -

[libro Nikonland centenario] Prologo..

Inviato da Roby C , 05 marzo 2017 · 1037 visualizzazioni

A mio parere, dover collaborare per un volume di questo peso morale comporta degli impegni morali, quelli di non lasciar nulla al caso.. guardare dove è possibile in maniera di poter avere una quantità di materiale per poter fare una scelta oculata.
Inizialmente ho avuto modo di possedere ed usare per alcuni anni due Nikon F, con il loro rispettivo Photomic, il tutto comperato rigorosamente usato sulle bancarelle della fiera di Senigallia a Milano, era la metà degli anni 60 del secolo scorso.. ma andremo avanti poi con la storia, ora vorrei far vedere il grosso del materiale ricavato dall'archivio del B&N del colore sia C41 che E 6, a parte vi sarà anche la parte digitale.. che chiaramente non è possibile farla vedere nella sua massa.
 
Immagine Allegata
 
il piano luminoso di fatto autocostruito, ma comunque con una risposta di 5000°K,
 
Immagine Allegata
 
i plasticoni con le diapositive
 
Immagine Allegata
 
ed infine il mucchio selvaggio che comprende anche il C 41
 
mancano ancora all'appello cinque raccoglitori, ma ne ho già passato una valanga..    dopo questa scelta ve ne sarà un'altra più selettiva, con il valido aiuto del proff Brustia, poi..   verranno caricate..
 
con la presente auguro anche un buon lavoro di ricerca anche al resto dei partecipanti.
 
Questa sera ho aggiunto le ultime fotografie scattate con la F 100, domani porterò in casa ancora tre-quattro raccoglitori e poi si inizierà il vaglio..
 
Non è andata esattamente così.. ora, questa sera posso dire di aver finito la prima fase di ricerca, intanto sono riuscito a recuperare le prime due macchine che mi hanno portato al digitale e sono la   beh.. lo saprete poi...   ed infine ho passato in rassegna gli ultimi quattro raccoglitori di dia.., ce ne sarebbero altri.. ma non lo voglio vedere.. penso che basti.. 
 
Immagine Allegata
 
l'ultimo plasticone estratto dalla pila...
 
da domani si inizia lo sfoltimento..  e sarà un lavoraccio..
 
........................................................................................................................
 
Il tempo passa e il Valerio per motivi di lavoro ancora non si vede.. ne all'orizzonte ne altrove...   mah, dice che è preso..
e allora iniziamo a sfruttare almeno le immagini che ho fatto oggi nel primo pomeriggio, allora..  per ora si fa un salto temporale che alla fine ovviamente non comparirà.
Vi sono state macchine fotografiche Nikon che hanno segnato il mio percorso, a dire il vero sono state diverse ma ora ne cito tre, la FE2 acquista  in misura di due corpi e, con una arrivato al punto di dover schiodare una tendina per l'uso; poi iniziato il periodo digitale la coolpix 995, che alla sua epoca costava un botto..  ed infine la D 100.
 
Immagine Allegata
 
questa è la coolpix 995 con i suoi megagalattici 3 Mpx
 
Immagine Allegata
 
ho fotografato assieme le due macchine la FE 2 e la D 100, scatti fatti con la D 5300 + il vetraccio del Valerio il suo 17-35
 
Allora, mi sono trovato nella  ll seconda metà del 2001 a casa, avevo smesso seppur a malincuore l'attività lavorativa.. ero in pensione..  non nascondo che la cosa mi spaventava un pochino, il digitale iniziava a fare capolino dopo a dire il vero pochi ripensamenti mi comperai la coolpix in oggetto, fu un passaggio un pochino traumatico..  per gestire gli scatti serviva in fatidico Photoshop..  che a dire il vero mi spaventava non poco, ed allora optai a torto o a ragione con il programma della Jacs il paint shop pro mi pare il sei, e con quello riuscii a fare un piccolo lavoro pubblicitario, questo mi convinse che la strada doveva essere quella, la pellicola a questo punto non sarebbe resistita poi molto.. certo tre Mpx sembravano forse tanti all'epoca..  ma come usci la D 100 feci un ulteriore balzo;  ( sorvoliamo che ho avuto tra le mani quella cosa che loro chiamavano fuji S1 pro  - dove fosse il pro non si sapeva bene ) comunque cola la D 100 era un'altra cosa..  certo altre persone non si sono trovate molto ma per il mio uso era decente; ma forse sarebbe meglio dire: per le mie capacita e conoscenze andava bene..  mi ricordo che poco dopo l'arrivo della D 100, per me era imperativo poter avere un grandangolare, meglio se zoom..  e allora di fatto aggiungendo ben poco mi sbarazzai della F 100, che anche quella di scatti ne aveva fatti una barca, per il Nikkor 12-24, e tanto per dirla tutta lo acquistai da chi poi di chiamerà " digitalcamera ".
 
.................................................................................................................
 
Immagine Allegata
 
In questo scatto, fattomi da un collega ritengo con il secondo corpo FE , sono ripreso durante delle riprese per la mia azienda, a fianco come lampeggiatore il mitico SB14, in una scatola in cantina.. morto è morto..  e non è possibile riportarlo in vita per due ragioni, la prima non esistono più ricambi e la seconda costerebbe un botto che non varrebbe la pena, per il basso valore intrinseco del lampeggiatore.
 
..................................................................................................................
Immagine Allegata
 
In questo scatto fatto ancor prima di quello precedente, sono durante un matrimonio attività che ho svolto per un certo periodo, ma la cosa che mi ricorda questa immagine è la macchina fotografica, una Mamiya 645, che avevo più o meno corredato con tre ottiche..  prese il volo, nel senso che la vendetti a fotocamera di via S. sofia per un banco ottico..   e il mio cruccio era che le ottiche del  banco erano ovviamente di ottima qualità ma... mai riuscito ad avere un Nikkor per grande formato.. ed ora non mi servirebbero nemmeno più..  peccato.
 
.......................................................................................................................
 
Allora, visto che la corsa di F1 ha avuto l'esito che ha avuto, vediamo nell'attesa del " socio " di mettere qualche altro tassello al puzle.
 
Nei primi anni settanta, mi ritrovai sul piano della mia scrivania in casa con ben sette macchine fotografiche differenti, compresa anche una Mamiya c 220 o 330; non ricordo .. mio fratello minore un giorno mi disse: fratellone, che te fai di tutto quel ruffo? non hai nulla di serio..  una Pentax.. una Praktica..  insomma nulla che facesse gridare al giubilo..  dai, vieni con me che ti presento uno sulla fiera di Sinigallia, ( fiera dell'usato e quant'altro a Milano, ora non più esistente )che ti ritira tutto e puoi comperare una cosa giusta, e cosa sarebbe secondo te?  ma una Nikon, che diamine..
E fu così che il tipo, bravo non lo discuto.. mi ritirò tutto il mio usato, comprato di seconda mano è chiaro.. e mi diede una Nikon F con un'ottica base, non chiedetemi quale.. ora, a parte l'esborso integrativo da dover fare.. ma la f, funzionava è vero.. ma aveva fatto le sue battaglie.. e la provenienza.. beh, non indaghiamo.. adesso con il senno del poi.. non l'avrei presa..  ma è passato mezzo secolo dal fatto.
Allora, iniziai a scattare in maniera più.. seria, usavo al tempo solo materiale in B/N e capite la ragione vero? poco tempo dopo a Milano in viale Tunisia al 40, apri una succursale di un negozio romano, il negozio era la Metro Import, era il primo atto che non era mai stato fatto prima d'ora..  si servivano direttamente in Giappone , importavano materiale fotografico oserei dire " onesto " sotto il profilo qualità/prezzo, e in poco tempo in casa mia vi era una copia del Focomat - Leitz, però con un cinquantino da ingrandimento Nikkor, comperavo già allora la pellicola in bobina da 17 metri, mi caricavo i rullini recuperati e con la tank patterson si sviluppavano, certo non ero un mostro di bravura, ma mi arrangiavo, tant'è che la prima stampa in che feci.. che grane sfaccitaggine la stampai con la baccinella appoggiata su una tavola di legno che copriva la vasca da bagno.. altri tempi..  e la stampa non era su carta ma su tela..  beh, esiste ancora in una scatola,
 
Immagine Allegata
 
della F rimane solo questo..  purtroppo.
 
Immagine Allegata
 
una delle prime fotografie fatta a chi poi diventerà mia moglie
 
Io abitavo a Milano alla Baia del Re, in una via piccola e corta..  con solo quattro numeri civici, io ero al 4, al 2 abitava un certo Cochi Ponzoni, e al 3, un amico fotografo free-lance..  simpaticissimo e spregiudicato..   un giorno mi disse che gli avevano rubato in casa, e allora da incosciente e stupido gli diedi il corredo...  è passato del tempo, e messo alle strette per la restituzione, mi diede una ricevuta del banco dei pegni di Milano..
 
La corsa fu inutile, era stata venduta all'incanto, dato che era scaduto il termine..  e fu così che non ebbi più la F.. 
 
per oggi basta  dai..
 






Foto
Valerio Brùstia
mar 06 2017 12:34

AVANTI ROBERTO, COSì TI VOGLIO!

aggiornamento.. ho fatto una copia di ben 260 dia.. ma per il centenario sono da scegliere solo tra un centinaio, appunto..

Foto
happygiraffe
mar 24 2017 19:12

Roby, come sta proseguendo la selezione?

Giovanni, in linea di massima..  ci siamo, lora il Valerio ed io ci dovremmo trovare e lui mi darà una mano..

 

e poi se non viene.. mi tengo il suo 17-35... quindi ci guadagnerei..

 

PS - sto collegato con il portatile.

Foto
happygiraffe
apr 11 2017 19:06
Voi due insieme mi fate paura! :D

Commenti recenti

Categorie

Ultimi Visitatori

  • Foto
    bonzomaletti
    07 apr 2019 - 20:26
  • Foto
    Leonardo Visentìn
    22 ago 2017 - 14:09
  • Foto
    Ossiani
    21 ago 2017 - 12:13
  • Foto
    robertoelle
    19 ago 2017 - 07:49
  • Foto
    Gugliaclick
    15 ago 2017 - 14:57